Primapagina

Corriere del Mattino

"Otto marzo è la donna emancipata che diventa protagonista della sua vita"- Intervista a Piero Romitelli

di Martina Barbieri 16/03/2020 14:02

CORRELATI

...

...

....

L'Ariston è un palco sul quale non si vince nell'immediato, ma nel tempo. Lo sanno bene artisti del calibro di Vasco Rossi, ma anche i grandi estimatori postumi di Mia Martini e di Domenico Modugno. Tuttavia, ci son brani troppo significativi, che pur non vincendo si fanno strada da subito nel cuore degli spettatori ed ascoltatori. Tra questi, nell'ambito della 70° edizione del Festival della canzone italiana, condotto da Amadeus e Fiorello, nessuno è rimasto indifferente alla performance della giovanissima Tecla Insolia, arrivata in finalissima con Leo Gassman per Sanremo Giovani, complice un testo molto significativo ed importante per i nostri giorni...

Scopriamo insieme meglio il punto di vista di uno dei suoi principali autori, quale, Piero Romitelli, famoso cantautore e compositore marchigiano che ci aveva già colpito moltissimo  a Sanremo 2019 con "Cosa ti aspetti da me" portato al successo da Loredana Bertè, e che con la sua penna aveva fatto decollare ulteriormente anche Il Volo e moltissimi altri artisti italiani.

 

 

  • << E non basta ricordare di una festa con un fiore se qualcuno lo/ci calpesta…>>

Parole molto incisive, che diventano ancora più significative se si pensa che siano state concepite, partorite, scritte e musicate da autori tutti uomini (fra i quali, Piero Romitelli, Rory Di Benedetto, Emilio Munda, Rosario Canale e Marco Vito). Qual è stato il pensiero pregresso alla base di un simile verso, e il motivo di una lieve variante alla fine?

 

LO, SI PARLA IN MANIERA IMPERSONALE, quasi come se fossimo gli spettatori che assistono alla scena di qualcuno che calpesta un fiore. Alla fine della canzone è come se fosse la donna stessa di cui si parla a diventare protagonista del brano ed ecco il CI, questa donna che racconta, che denuncia la sua storia. Il pensiero pregresso è questo: la donna emancipata, la donna che diventa protagonista della sua vita, trova la forza di denunciare e di ricominiciare dalla nuova sè..perché diciamocelo: devono ri-inventarsi per poter davvero ricominciare.

 

  • Come mai la canzone si intitola “8 marzo” e cosa pensano gli autori del testo di una simile “ricorrenza” oggi, nel 2020?                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

 L'8 marzo si celebra la festa della donna, in cui si ricorda un episodio triste: 134 lavoratrici morirono in un incendio per manifestare contro le condizioni lavorative. È una data simbolo di quello che la donna è anche oggi e che spesso si dimentica.                                                                                                                                                                                                                                                                                             

  • << e nelle vene gli anticorpi alla paura i silenzi che ci fanno da armatura è resilenza, io so la differenza tra uno schiaffo e una carezza>>…>> Pregnante l’urgente necessità di rivoluzionare l’opinione comune che farebbe a torto della resilenza la forza delle donne, quando, invece, quella è debolezza e quest’ultima è nella capacità di discernimento critico tra ciò che è amore e ciò che non lo è e non può mai esserlo. In che modo, però, si potrebbe diffondere tale coscienza ed aiutare le donne a potenziare la consapevolezza di amore?                                                                                                                                                                                                                 

Diciamo che l'amore è un concetto soggettivo. Ogni persona, non solo la donna, lo vive a modo suo. Direi che il valore da cui partire, in qualsiasi rapporto di quale natura esso sia, è il rispetto. Avere la consapevolezza di cosa significa rispetto, ancora prima dell'amore .                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

  • Molto interessante, per quanto tristissima, la frase <>. In che modo si può aiutare una donna a rendersi conto che i due concetti non coincidono? E cosa si potrebbe fare per curare questo grande fallimento umanitario della nostra epoca?   

                                                                                                                                                                                      Direi che l'educazione giochi un ruolo fondamentale per evitare che ci siano determinati atteggiamenti nei confronti della donna. Soprattutto poi, la certezza della pena: questo potrebbe essere un deterrente. Per quanto riguarda la consapevolezza della differenza tra uomo e essere umano più donne denunceranno più ce ne saranno altre che troveranno il coraggio di farlo.