La Pizza di scarole napoletana: la ricetta della nonna.

La pizza di scarole è una pietanza tipica della cucina napoletana. Come vuole la tradizione la troviamo sulle tavole di tutte le famiglie napoletane e campane per il pranzo della vigilia di Natale; ma è ottima anche per una cena in famiglia, o tagliata a piccoli quadratini per un antipasto goloso, o a fette per una scampagnata con gli amici. Sicuramente sarà molto apprezzata in ogni caso, appena sfornata con le scarole ancora fumanti o gustata fredda il giorno dopo. L'importante è che le scarole siano fresche e di stagione. Il nome è dovuto al fatto che l'impasto di base utilizzato è lo stesso che si adopera per quello della classica pizza, con farina acqua e lievito, ma l'aspetto della pizza di scarole a preparazione ultimata sarà più quello di una torta salata. Vediamo insieme come prepararla e i segreti per una perfetta riuscita. Innanzitutto bisogna iniziare dall'impasto che potrete acquistare già pronto o prepararlo a casa. Passiamo alla preparazione delle scarole. Per una pizza di 26 cm di diametro ne bastano due fasci. Dopo averle pulite e lavate vanno fatte stufare in un tegame dai bordi alti per una decina di minuti, girando a metà cottura, finché non si saranno ammorbidite. Non far stracuocere, le scarole devono restare un po' croccanti. A questo punto andranno lasciate raffreddare e strizzate bene, perché una volta passate in padella non dovranno rilasciare acqua. Inizia qui la preparazione vera e propria. Versate in una padella dell'olio extravergine d'oliva (quanto basta), e fatevi soffriggere due spicchi d'aglio, le ovile, i capperi, i pinoli, qualche filetto di alici sottolio (ottime quelle di Cetara) e a piacere, dell' uva sultanina. Dopodiché aggiungete le scarole e fatele saltare in padella per qualche minuto insieme al resto degli ingredienti. Assaggiate, aggiustate di sale e aggiungete a piacere un pizzico di pepe. La verdura va fatta insaporire lentamente ma non a lungo, essendo già cotta. Quando le scarole saranno pronte lasciatele raffreddare. Nel frattempo preparate una teglia di circa 26 cm di diametro, ungetela con un po' d'olio e stendete una parte dell'impasto per la pizza (2/3) in modo che si crei un orlo alto; versate le scarole e coprite con il restante impasto chiudendo bene ai bordi, arrotolando l'orlo e schiacciandolo con i polpastrelli per farlo aderire. Infornate per circa 45 minuti a 200 gradi. Controllate la cottura di tanto in tanto: la pizza sarà pronta quando l'impasto avrò assunto un colore dorato sia sopra che sotto. A questo punto non mi resta che augurarvi, con l'acquolina in bocca, buon appetito.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Corriere della Campania senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. Per coprire i costi del Corriere della Campania e pagare tutti i collaboratori e per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana. A breve potrai fare la tua donazione. Grazie

commentA

Leave a reply

Message *

Name *

Email *

advertisement
advertisement