Logomania: il logo è trend!

La moda non ha più segreti e più si vede meglio è! Ecco allora che la logomania diventa questa’anno più trend che mai: il concetto di firma diventa soggetto e oggetto di intere collezioni di moda.

E non parliamo solo di accessori: la logomania non risparmia nulla e offre look completi dalla testa ai piedi, un allover che viene apprezzato dalle più celebri influencer su Instagram.

Questa tendenza non è certo una novità dato che nei primi anni 2000 era già in voga per poi scomparire drasticamente all’insegna di una moda più pulita e basica completamente priva di logo in vista. 

Ma tutto torna, ormai si sa, e nell’epoca del 2.0 dove l’eccesso e il lusso estremo vanno di moda non poteva essere altrimenti.

La società in cui viviamo dove tutto è immagine, di contenuto o no purchè sia bella, è fatta di status e il logo diventa il mezzo più efficace per comunicarlo. Gucci, Louis Vuitton, Dior, Fendi, Balenciaga sono solo alcuni dei nomi più riconoscibili, sui social e non. E molti altri nuovi li hanno introdotti in collezione un po’ come se la riconoscibilità non ne fosse più conferita dalla sua vision bensì dal nome.

Ovviamente lo stile del logo si è modificato e rinnovato nel corso degli anni, e Vuitton, ad esempio, ha stravolto lo storico monogram per adottarne uno più stilizzato e contemporaneo.

Altri invece li fondono tra loro come Fila e Fendi hanno fatto durante la A/W 2019 Milan Fashion Week, dal genio creativo di Karl Lagerfeld e la collaborazione di artisti, si è data vita nuova a una collezione che è si sporty (Fila) ma assolutamente chic (Fendi).

Insomma, per tendenza o per passione, il monogram si riconferma ancora una volta l’icona per eccellenza delle tendenze. 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Corriere della Campania senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. Per coprire i costi del Corriere della Campania e pagare tutti i collaboratori e per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana. A breve potrai fare la tua donazione. Grazie

commentA

Leave a reply

Message *

Name *

Email *

advertisement
advertisement