Master chef Italia 8, tante sorprese e due nuove eliminazioni nella puntata di giovedì 28 febbraio

Puntata sorprendete quella di giovedì 28 febbraio. Gli aspiranti chef dovranno affrontare prove sempre più difficili e questo porterà all'eliminazione di due concorrenti, la simpaticissima signora Anna, pensionata 72enne, e lo studente di medicina fuori corso Giovanni. Si comincia subito con una sorpresa. Sotto la cloche i concorrenti trovano un piatto con il volto di un loro avversario, per il quale, gli vien detto, dovranno fare la spesa per questa prova. Molti decidono di mettere in difficoltà gli avversari scegliendo ingredienti improbabili e difficili da abbinare. Ed ecco il colpo di scena: Canavacciuolo comunica che si trattava di uno scherzo e che la Mistery Box era in realtà una Mistery Box “boomerang”, per cui ciascun concorrente dovrà cucinare con i dieci ingredienti che credeva essere destinati all'avversario. Il vincitore di questa prima sfida è Gilberto, che nonostante avesse scelto per Anna ingredienti sfavorevoli (ananas, controfiletto, granchio, cocco, carambola), riesce a creare il miglior abbinamento di tutti. Nell'Invention Test i giudici presentano agli aspiranti chef alcuni piatti che compaiono nei menù dei loro ristoranti: tre piatti provengono da Villa Crispi di Orta San Giulio, ristorante di chef Canavacciuolo, 3 dalla Locanda Locatelli di Londra, 3 da Becco, ristorante di Bastianich a New York e tre piatti dal ristorante bolognese Furghetti, di chef Barbieri. Gilberto, vincitore della prima prova può decidere quale piatto assegnare a ciascuno degli avversari tenendo conto del diverso livello di difficoltà. Ciascun piatto dovrà essere riprodotto il più fedelmente possibile. Il migliore di questa prova risulta Salvatore, che potrà guiderà la sua brigata nella successiva prova esterna. É invece la signora Anna, cimentatasi nella preparazione della Chicken Parmesan di Bastianich, a dover abbandonare per sempre la cucina di Master Chef. La prova esterna si svolge nella splendida isola di Burano, nella laguna veneziana. Le due squadre, la squadra rossa capitanata da Salvatore, e la squadra blu, guidata da Giuseppe, dovranno servire il pranzo a trenta osti di Venezia e della laguna. I due menù saranno a base di pesce e si apriranno con un buffet, proprio come avviene nelle tipiche osterie veneziane, i “bacari”. Entrambi si concluderanno con dello zabaione accompagnato dai “bussolai buranelli”, tipici biscotti di Burano di pasta frolla a Forma di S o di ciambella. Alla fine della prova gli osti preferiranno in modo netto il lavoro di una brigata rispetto all'altra decretando la vittoria dei rossi. La brigata blu finisce dritta al Pressure Test, dove ad essere eliminato alla fine fra Giovanni, Gloria ed Alessandro sarà Giovanni.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Corriere della Campania senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. Per coprire i costi del Corriere della Campania e pagare tutti i collaboratori e per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana. A breve potrai fare la tua donazione. Grazie

commentA

Leave a reply

Message *

Name *

Email *

advertisement
advertisement