Quotidiano Sportivo

Sport & Calcio

Leggende del Napoli: Edinson Cavani, l'uomo che distrusse tutti i record in maglia azzurra

di Maria Anna Gagliardi 23/03/2020 16:36

CORRELATI

Sorteggi Champions

La Champions League riparte il 7 - 8 agosto con le restanti gare...

10/07/2020 12:35

Espugnata Genova. Azzurri con il vento in poppa-Le Pagelle

Le pagelle del Napoli Meret : 6,5  In una serata di scarso...

09/07/2020 09:50

Genoa, Nicola: “Oggi il miglior Genoa, meritavamo il pareggio”.

Parla così l’allenatore dei rossoblu, ai microfoni di...

08/07/2020 22:46

Se si parla di "leggende del Napoli" la memoria porta subito agli anni '80, alle stelle dello scudetto, a Maradona su tutti. In realtà, molti sono quegli uomini che hanno vestito la maglia azzurra e hanno lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi e degli appassionati di calcio. Nel cuore dei tifosi giovanissimi c'è sicuramente rimasto Edinson Cavani, sogno d'estate di molti negli ultimi anni. Classe 1987, coi sui 104 goal il centravanti non ha solo battuto numerosi record ma ha riportato sogni e speranze nei tifosi fino alla notte del 20 maggio 2012 dove, dopo oltre vent'anni, il Napoli tornò a vincere un trofeo. 

Cavani viene acquistato dal Napoli nell'estate del 2010 con la formula del prestito con diritto di riscatto dal Palermo. Il Matador esordisce in Europa League nel match casalingo contro l'Elfsborg, ma sarà decisivo nel ritorno in Svezia siglando la sua prima doppietta in maglia azzurra. Decisivo anche il suo esordio in A contro la Fiorentina, dove realizzerà il goal del momentaneo 0-1, un goal fantasma che scatenerà numerose polemiche. 

Nella prima stagione Cavani diventa titolare fisso, protagonista della prima qualificazione in Champions League del club. Di quella stagione passa alla storia una memorabile rimonta in Napoli-Lazio vinta 4-2 dagli azzurri con una splendida tripletta dell'uruguayano. In quell'occasione, inoltre, il centravanti supera il record di quattro triplette stagionali di Antonio Vojak, che resisteva da ben 78 anni. 

Edinson Cavani diventa l'incubo delle difese avversarie. Il goleador dimostra di saper segnare in ogni posizione, grazie alla sua forza fisica. Un cecchino. L'azzurro però risulta essenziale anche nella fase difensiva mostrando di saper sacrificarsi per la squadra. L'apice arriva il 20 maggio 2012: dopo aver eliminato in semifinale il Siena, gli azzurri arrivano in finale. L'avversaria è la Juventus di Conte, quell'anno imbattuta in ogni competizione. Record che interromperà proprio il Napoli, vincendo 2-0 con un rigore segnato dal solito Cavani e il goal di Hamsik

Nell'estate del 2013 le strade del Napoli e di Edinson Cavani si dividono: il Matador passa al Paris Saint Germain per 64 milioni. Negli ultimi due anni le voci di mercato circa un possibile ritorno si sono moltiplicate e questo ha fatto letteralmente impazzire i supporters azzurri che ancora sognano di rivedere il Matador esultare sotto la curva.