L’imprevedibilità della 28a giornata

L’ultima giornata di campionato ci ha sorpresi non poco. La prima partita in programma è stata Genoa-Milan, venerdì, in cui la squadra rossonera ha avuto vita facile in casa rossoblù anche se al 65′ l’espulsione di Constant avrebbe potuto creare difficoltà. Di fatti il 2-0 (22′ Pazzini, 65′ Balotelli) finale, in favore dei diavoli, è stato un risultato più che positivo, permettendogli di restare agganciati al terzo posto. Dal Genoa ci si aspettava di più anche in merito al fatto che giocasse in casa.  Sabato, Udinese-Roma ha visto un pareggio che sta stretto sia all’una che all’altra. Dopo il gol dell’ 1-1 (20′ Lamela, 53′ Muriel) nel secondo tempo, i friuliani hanno attaccato a pieno organico ma l’espulsione di  Heurtaux  per un fallo su Florenzi, ha costretto la squadra a difendersi e il gol del raddoppio non è arrivato anche perchè la Roma si è resa spesso pericolosa. Domenica mattina al cardiopalma per Atalanta-Pescara dove quest’ultima passa in vantaggio al 25′ del primo tempo con D’Agostino. La squadra di casa non ci sta e rimonta clamorosamente con la doppietta di Denis, prima su rigore nel primo tempo al 34′ e poi su azione nel secondo al 67′. Partita molto bella dal punto di vista dell’intensità. Le partite della domenica pomeriggio sono caratterizzate dalla vittoria del Cagliari sulla Sampdoria per 3-1 (18′-52′-72′ Ibarbo, 90′ Lopez r), quella del Parma in casa sul Toro con 4 gol che inizialmente era in vantaggio (56′ Santana, 77′-84′-90′ Amauri, 80’Sansone) e la sconfitta assurda del Palermo in casa con il Siena che ribalta il risultato di partenza (44′ Anselmo, 51′ Emeghara, 72′ Rosina r) proiettando i rosanero in B. Inoltre la lotta scudetto sembra essere chiusa definitivamente: il Napoli con una prestazione disastrosa perde 2-0 a Verona, dove il Chievo sembra indiavolato e gioca una partita stupenda passando in vantaggio al 12′ con Dramè e raddoppiando al 43′ con un tiro mal parato da De Sanctis di Théréau. Nella ripresa Cavani ha l’opportunità di sbloccarsi e sbloccare la squadra con un calcio di rigore ma lo sbaglia incredibilmente. Contemporaneamente la Juventus vince a Torino contro il Catania al 90′ con un gol di Giaccherini proprio quando sembrava che la partita finisse in parità. Così i punti che separano la prima e la seconda in classifica diventano 9. Troppi! La serata,infine, vede la clamorosa sconfitta in casa dell’Inter di Stramaccioni a San Siro contro il Bologna con gol di Gilardino al 57′. La squadra non ha gioco è lo dimostra in questo match. Incomprensibile anche la sconfitta casalinga della Lazio contro la Fiorentina per 2-0 (20′ Jovetic, 50′ Ljajic) che la allontana ancora di più dal terzo posto ora del Milan. Agli scommettitori diciamo: dato l’andazzo del nostro campionato, come avete potuto notare, non è semplice indovinare i risultati quindi diamoci all’ippica!!

Ester Basile


Download PDF


I commenti sono chiusi.