Totti ormai non sorprende più, malissimo Ciani

tottiromaCome ad ogni giornata ecco i migliori e peggiori della 29a di Serie A. All’ “Olimpico” di Roma assistiamo alla prestazione di un Totti indescrivibile, capace di segnare il 226° gol, sorpassando Nordahl. Il Catania ritrova Gomez e torna a sognare l’Europa ormai vicina. Cassani fa un gentile omaggio alla Fiorentina che ringrazia e lo sfortunato Ciani si becca un doppio giallo da record.

LUCI

Francesco Totti: I traguardi che ha nel mirino sono sempre più vicini. Segna il gol numero 226 e stacca Nordahl al secondo posto della classifica marcatori di tutti i tempi. Ormai gli aggettivi per definirlo sono finiti, e il Parma, è una delle sue vittime preferite, colpendolo per la 17a volta. Durante il match, gioco pulito con aperture brillanti, passaggi perfetti e tacchi come se nulla fosse; anche una traversa incredibile su punizione. Sempre d’aiuto e decisivo: Fantastico!!

Alejandro Gomez: In questa partita è schierato come prima punta per la mancanza di Berghessio, e l’allenatore non se ne pente dato che lui segna due reti da opportunista vero, affossando l’Udinese. Il 25enne di Buenos Aires dimostra la sua encomiabile duttilità tattica e la sua vivacità. Difficilmente a fine stagione si tratterrà (voci di mercato lo vorrebbero al Napoli) ma questi tre punti alimentano le speranze europee del Catania, che riparte dopo le sconfitte beffa con Juve e Inter. Duttile!!

OMBRE

Michael Ciani: Il suo record è stupefacente. Lascia la Lazio in dieci con due falli da ammonizione a distanza di appena un minuto a poco più di un quarto d’ora dall’ inizio del match. Ci domandiamo come può un giocatore che è stato appena ammonito, commettere un fallo ancora più grave e farsi espellere, lasciando in dieci i suoi compagni in una partita molto delicata giocata su un campo difficile?! La sua partita dura appena 17 minuti e compie una sciocchezza clamorosa per uno della sua esperienza. Intanto, tra infortuni e ingenuità, la Lazio vede sempre più lontana la zona Champions League. Irresponsabile!!

Mattia Cassani: Passato dalla Fiorentina al Genoa nel mercato di Gennaio, le fa una sorta di regalo inaspettato. Il suo sciagurato autogol, infatti, tiene in vita la squdra di Montella nella corsa alla Champions League e inguaia il Grifone. I Viola erano andati in vantaggio per due volte  ed in entrambe le occasioni erano stati raggiunti dai liguri. Sul 2-2 la partita ha un risvolto assurdo: al 77′ proprio Cassani insacca malauguratamente il suo portiere, domando la vittoria alla sua ex squadra. Sfortunato!!

 

Ester Basile


Stampa in PDF


I commenti sono chiusi.