Quagliarella e Dzemaili stupiscono

dzemaili2La 30a giornata di serie A registra in positivo la straordinaria doppietta di Dzemaili contro il Torino e la bellissima prestazione corredata da gol, di Quagliarella contro l’Inter. L’antisportivo fallo di Cambiasso lo fa collocare tra le ombre ed anche il poco lucido Di Natale si ritrova nella classifica alla rovescia per una volta.

Luci

Fabio Quagliarella: Fabio è tra le armi più pericolose che questa Juve possiede.Schierato al posto di Vucinic malato, l’attaccante partenopeo mette subito in ginocchio l’Inter  segnando uno dei tanti gol capolavoro a cui ci ha abituato e poi serve a Matri il pallone del gol vittoria. Mantiene la media di un gol a partita, è paradossale che continui a essere considerato un attaccante si scorta. I suoi gol sono sempre importanti e quello contro l’Inter ha un sapore particolare sopratutto per la bellezza dell’esecuzione del gesto atletico, sul quale neanche  Handanovic è potuto arrivare. La sua rete spiana la strada al successo dei bianconeri.

Blerim Dzemaili: E’ il protagonista di una partita incredibile. Tre conclusioni bellissime col suo gesto tecnico migliore, ovvero il tiro da fuori sul quale Gillet non può arrivare. Questi permettono al Napoli di restare al secondo posto. Al resto ci pensa la doppietta di Cavani, ma stavolta il centrocampista svizzero si è guadagnato gli applausi della platea partenopea. La sua tripletta ha infilato il suo ex Torino. Nel buio più totale nel quale naviga la difesa granata e nella partita più pazza vista fino ad ora in questo campionato, i tre gol dell’ex-Toro permettono al Napoli di vincere una gara difficile che consente di rincorrere la Juventus e mantenere ancora a distanza il Milan.

Ombre

Esteban Cambiasso: Certi falli non dovrebbero neanche essere pensati. Le sue immediate scuse arrivano a Giovinco ma a poco servono. Merita una punizione esemplare. Il suo è stato un gesto troppo violento e cattivo sul piede del bianconero. L’eccessivo agonismo e un risultato di svantaggio in una sfida particolarmente sentita come quella tra Inter e Juventus, avranno agito negativamente sull’argentino, giocatore esemplare nella condotta fuori e dentro il campo. L’azione ci stupisce, ma ci fa anche tanta tristezza. L’arbitro, comunque, vede il fallo e lo espelle all’istante. Speriamo che non ricapiti mai.

Antonio Di Natale: la sua partita contro il Bologna è sottotono. L’attaccante bianconero si fa vedere tanto ma spesso è poco preciso e spreca qualche occasione interessante per i suoi. Di fatti non è lucido come il suo solito. Nel secondo tempo può sbloccare la partita ma si fa parare il calcio di rigore: davvero inusuale vederlo sbagliare dal dischetto, specialmente se così decisivo. Totò si fa ipnotizzare da Curci e l’Udinese spreca l’opportunità di rimanere agganciato all’Europa. Ma siamo certi che non mancherà l’occasione per farsi perdonare.

Ester Basile


Stampa in PDF


I commenti sono chiusi.