Buon 2015 azzurro: doppi auguri con Higuain seguito da Callejon e Hamsik

cesena napoli
Anno nuovo. Vita Nuova. Mentalità nuova. Ma con gli stessi sogni e soprattutto con gli stessi obiettivi.
Chiuso il 2014 con la vittoria di un nuovo trofeo da esporre in bacheca, il Napoli deve solo dimostrare di essere quella squadra che ha fatto sognare milioni di tifosi quella notte del 22 dicembre. Un trofeo fa onore, orgoglio e morale. E per riprendere la citazione di un grande, con tanto di ” adattamento”,
non ci resta che….vincere e sognare.
Ma la felicità di tutti gli sportivi per il ri-inizio del campionato, è offuscato dalla malinconica tristezza di una morte che ha sconvolto Napoli e il mondo: Pino Daniele. A lui dedicati molti striscioni di compianto da ambo le tifoseria e i tre minuti di silenzio iniziali, per dedicare un pensiero ad un altro ” monumento” di Napoli che è andato via.
LA PARTITA: Buono l’ inizio degli azzurri, se si tiene conto dell’ aggressività ” fallosa” del Cesena, che contro la ” classe” azzurra si difende come si può. Una classe che si trasforma subito…in acqua quando il Cesena aggredisce, mandando in bambola gli azzurri. E così il Cesena fa gioco e paura, mentre il Napoli riesce a fare ben poco.
Ma la partita è appena iniziata e non c’è niente da disperare. Soprattutto con un Napoli abituato a stravolgere tutto in poco tempo. E così, mentre il Cesena ci prova a fare goal il Napoli lo fa seriamente. Un’ azione importante. Un bel goal di Callejon, che da posizione defilata angola la palla in rete.
E il Napoli rinasce. E fa sul serio, giocando con maggiore tranquillità e con maggiore sicurezza.
Arriva anche il goal di Higuain che riceve un assist delizioso da Hamsik, dal centro campo e dopo aver stordito di finte il difensore, il grande pipita mette in rete.
Il secondo tempo comincia tranquillo. Pssaggi “azioncine”. E proprio quando tutto scorreva a rilento, ci pensa Hamsik al 18′ con un goal, tramutato in assist per il difensore avversario che in scivolata spinge il tiro in rete. C’ ancora tanto da giocare…e da segnare. E ritorna Higuain al 27′ con un bel tiro centrale. Ci pensa Brienza a fare il goal della bandiera. Ma il Napoli ha ormai stravinto.
CHI COMINCIA BENE..: Tutto positivo. Il Napoli comincia alla grande. Carattere, convinzione e forza. Sono queste le caratteristiche che sono emerse ieri pomeriggio contro il Cesena.
Il Napoli impacciato e bulimico è solo un brutto ricordo?..Bhe, è ancora presto per dirlo e le partite da giocare sono ancora molte. Ma se questo è solo un assaggio di questo Napoli rigenerato, contro la Juventus, sarà tutto più…divertente.

Download PDF


I commenti sono chiusi.