Palermo – Napoli 3-1: Benitez ” è colpa nostra”

image
Non sempre il 14 febbraio è sinonimo di amore, per il Napoli di Rafa Bentitez quest’anno ha avuto un solo significato: sconfitta. Sconfitta che fa male sconfitta che ferma la cavalcata degli azzurri al secondo posto. Il Napoli ha perso per 3-1 in casa del Palermo.

Rammaricarsi per ciò che ormai è finito, non è troppo utile e questo lo sa bene il tecnico della formazione azzurra che al termine del match è intervenuto ai microfoni Sky rilasciando le seguenti dichiarazioni “se analizziamo la partita dall’inizio abbiamo subito un goal che nessuno si aspettava e questo ha cambiato tutto. Il Palermo ha tanta qualità, ma sono stati i nostri errori a condizionare la gara e il risultato” Dunque, razionalmente Benitez elogia l’ottimo lavoro svolto dai Palermitani durante il match, ma si dice anche colpevole insieme ai suoi giocatori di aver commesso errori che hanno concesso troppe libertà ai padroni di casa portandoli poi alla vittoria . L’intervista continua con l’allenatore azzurro che spende qualche parola per la prestazione – piuttosto negativa – di Rafael Cabral ” Rafael lavora sempre bene, l’errore può capitare a tutti. Quando vinci sei partite di seguito l’errore può capitare”. Ebbene nessun rimprovero per il portiere azzurro che su due dei tre goal subiti non ha fatto del proprio meglio.

Indiscutibilmente le colpe della pesante sconfitta sono da attribuirsi a tutti i reparti della formazione azzurra. Dopo il triplice fischio finale oltre a Rafa Benitez è intervenuto a Sky Jorginho uno dei protagonisti – in negativo – della gara che ha fatto una sorta di mea culpa riconoscendo i propri errori “il secondo goal è nato da un mio errore, dovevo fermare una pericolosa ripartenza e non ci sono riuscito. Dovevamo essere più compatti e non lo siamo stati. Dobbiamo dimenticare questa sconfitta e pensare alla prossima partita senza guardare alla classifica” Dunque la classifica non va considerata secondo il centrocampista ex Verona. Difficile non farlo per i tifosi che invece avevano riposto delle speranze nella trasferta palermitana.

Ebbene, Il San Valentino azzurro termina in un bagno di sangue purtroppo non si riscontrano note positive da segnalare sul match, solo tanta amarezza che rovina la festa più dolce a tutti i tifosi azzurri. Dunque peró il Napoli avrà la possibilità di riscattare la pessima prestazione vistasi al Barbera di Palermo e di risalire la classifica ,lunedì 23 febbraio in casa contro il Sassuolo di Di Francesco partita da non sottovalutare ma da affrontare con forza ed entusiasmo.


Stampa in PDF


I commenti sono chiusi.