Cià guagliò. Ciao Inler.

FB_IMG_1439991397375

Anche Gokhan Inler si sfila la maglia azzurra, tenuta indosso quattro anni, per cominciare una nuova avventura, in una nuova città, con dei nuovi colori.

L’ufficialità è arrivata. Si mormorava da tempo che lo svizzero spuntasse nella lista dei giocatori in uscita, ma con il trascorrere del tempo e con la prossimità alla chiusura del periodo di calcio mercato, ce n’eravamo quasi dimenticati…

Invece la trattativa è chiusa e le valigie anche. E l’aereo è diretto in Inghilterra a Leicester con un contratto triennale e una cessione che ha fatto incassare al Napoli 4,2 milioni di euro con eventuali bonus. Un prezzo di svendita se si tiene conto dei soldi spesi quattro anni fa dal Napoli per acquistarlo( il triplo e qualcosa in più del costo di cessione) e del valore calcistico del capitano della nazionale Svizzera.

Un centrocampista dal muso duro. Granitico. Poco veloce di gambe ma scattante di testa. Un piede fatato che ha siglato goal spettacolari anche da trenta metri e con un bagaglio di tecnica che trasforma un semplice incontrista in un motore d’azioni fatte di testa e piedi…. di quelli di prima scelta.

Ed è stato proprio questa suo “curriculum ben specifico” che non gli ha permesso di coprire qualsiasi tipo di ruolo. Cosi, per questo suo limite di adattabilità  veniva lasciato in panchina oppure inserito in ruoli inadatti e costretto a subire una vagonata di critiche da giornalisti e tifosi per delle prestazioni al limite della sufficienza.

Ma questo non toglie i meriti ad un giocatore e uomo che a Napoli ha fatto e dato tanto. Legato alla maglia, legato alla squadra e legato ad una terra che non dimenticherà.

E per questo suo amore viscerale verso la Bella Napoli, lascia i suoi tifosi con una lettera degna di questa terra, appropriandosi di frasi riprese dalla Napule è di Pino : ” Napule è tutto nu suonno e à sape tutto ò munno ma nun sanne à verità… io la so, ed è per questo che oggi i miei occhi sono bagnati da questo mare e sporcati da questa terra. Terra mia. Ciao guagliù, Forza Napoli sempre”. 


Download PDF


I commenti sono chiusi.