Tornado Kalinic a Milano: la Fiorentina è prima!

Scontro al vertice tra Fiorentina e Inter, rispettivamente con 12 e 15 punti in cinque giornate.

A San Siro Sousa si presenta con una formazione a trazione anteriore con Ilicic alle spalle di Kalinic, turno di riposo per Rossi che parte dalla panchina.
L’Inter di Mancini non conosce tour over solito 4-3-3, unica eccezione l’assenza di Jovetic dettata però da qualche piccolo problema fisico.
Pronti via e dopo tre minuti gli ospiti sono già avanti. Appoggio ad Handanovic, controllo errato del numero uno neroazzurro che nel tentativo di recuperare il pallone atterra Kalinic e concede il penalty. Dal dischetto si presenta Ilicic che tira una sassata dove Handanovic non può nulla.
La Fiorentina domina e fa girare a vuoto gli avversari e al 18esimo colpisce ancora con il secondo disastro del portiere sloveno: tiro da fuori di Ilicic, parata di Handanovic che sbaglia nel tentativo di alzare la palla sopra la traversa e concede il tap in a porta vuota a Kalinic. 2-0 al minuto 18.
Passano altri 5 minuti e la Viola chiude il match con la doppietta del croato che sfrutta il cross di Marcos Alonso dall’out di sinistra e infila l’Inter. Stavolta incolpevole Handanovic. Prima del 45′ piove sul bagnato per la squadra di Mancini perché Miranda, costretto al fallo da ultimo uomo  su Kalinic lanciato a rete, viene espulso.
Nella ripresa la partita diventa improvvisamente noisa, l’Inter cerca di evitare l’imbarcata, la Fiorentina non ha fretta e palleggia in stile Barca.
Orgoglio Icardi. L’unico a crederci è il 9 nerazzurro che trova la rete al 60′ ribattendo in rete la ribattuta del palo da lui stesso colpito di testa. 1-3 e l’Inter inizia a crederci, ma Borja Valero e il resto del centrocampo viola ci mettono poco a riprendere il pallino del gioco in mano.
La partita sembra un torello degli uomini di Sousa, che poi mettono il sigillo alla partita al 32′ con lo scambio sull’asse Ilicic-Kalinic, con quest’ultimo che porta il pallone a casa con la sua prima tripletta in Italia.
Finisce così con la Fiorentina che aggancia l’Inter in vetta a quota 15pt. Ora Firenze può sognare con Kalinic che in pochi mesi ha già fatto dimenticare Gomez.
Pagelle Inter
Handanovic: 4 un disastro 
Santon: 5 male come tutta la squadra
Miranda: 4,5 da una grossa mano agli avversari con la sua espulsione
Medel: 5,5 corre e si batte ma non basta
Telles: 5,5 la sua qualità si vede troppo poco
Guarin: 4,5 sbaglia quasi tutto
Kondogbia: 4,5 smarrito in mezzo al campo
Melo: 4 non tocca mai palla, lontano dalla prestazione col Chievo
Palacio: 5 non gli arrivano palloni giocabili
Icardi: 6 caparbio, fa un goal da bomber
Peresic: 4,5 Alonso lo eclissa
Biabiany: 5,5 torna in campo nella partita sbagliata
Ranocchia: 6 forse merita una chance
Brozovic sv
Pagelle Fiorentina
Tatarusanu: 5,5 sbaglia sul goal di Icardi
Roncaglia, Rodriguez e Astori: 6 d’ufficio
Alonso: 7 un treno a sinistra
Borja Valero: 7 sublime nel tiki taka Viola
Badej: 6,5 scudiero dai piedi buoni, raro!
Vecino: 6,5 il ragazzo ha qualità e si esalta nel gioco di Sousa
Blaszczykowki: 6,5 sta tornando ai livelli di Dortmund
Ilicic: 7,5 inarrestabile, fa ciò che vuole sulla trequarti
Kalinic: 8,5 bomber puro, trasforma in occasioni tutti i palloncini che passano dalle sue parti!
Gilberto sv
Tomovic sv
Mati sv

Stampa in PDF


I commenti sono chiusi.