Vittoria di conferma contro l’Empoli. Il primo posto è azzurro.

Con la Juve che si è concessa una vittoria aperitivo, la risposta del Napoli deve essere immediata e diretta. Contro l’Empoli, l’ex di turno è proprio Sarri, che per evitare spiacevoli sorprese schiera i suoi migliori.

Inizio timido e soporifero per gli azzurri, che si destano dalla prevedibilità del loro gioco solo dopo essere passati in svantaggio su una punizione di Paredes.0-1. Il risveglio brusco e doloroso è sempre stato un toccasana per il Napoli, che dopo tante occasioni sprecate e dopo tanto lavoro di gambe contro una piccoletta che sa il fatto suo, Higuain va in rete di testa su assist di Insigne, pareggiando i conti.1-1. Cosi lo scugnizzo, dopo il generoso atto d’altruismo, raddoppia con una punizione perfetta, con tanto di effetto e chiusura al bacio di palo.1-2. Piccole scintille in campo per falli di ingiustificata cattiveria da ambo i lati, rischiano di innestare un incendio di risse, per fortuna controllato e stemperato. Il ritorno in campo è dei migliori. La concentrazione è alta e la padronanza nella gestione del pallone rilascia bel gioco e sicurezza. Una tranquillità azzurra direttamente proporzionale alla timorosa tensione dell’Empoli, che trapela dall’autogoal di Camporese su assist di Callejon.3-1. Ma è solo un’anticipazione il suo assist-goal, perchè lo spagnolo fa en-plein con una doppietta che ripaga solo in parte le sue ottime prestazioni e il suo continuo sacrificarsi per la squadra. 5-1. Non resta che ascoltare lo stadio cantare la canzone che parla di amore, passione e gioia per questa squadra

Attenti. Qui non ce n’è per nessuno…. anzi ce n’è per tutti.

REINA7 L’uomo bionico perde colpi. Si lascia sorprendere da una deviazione su punizione, regalando un goal facile agli avversari. Ma resta un grande motivatore e trascinatore in campo. Se usasse i guantoni tanto quanto l’ugola per richiamare i compagni alla concentrazione, ritornerebbe agli alti livelli a cui ci ha sempre abituati.

HYSAJ: 7emezzo Ad essere giovanissimo, lo è. Ma ha una personalità in campo e una dimestichezza con il pallone, che lo hanno reso indispensabile ed essenziale per il gioco azzurro. È inutile provare a rubargli il pallone, perché lo recupererebbe comunque, con classe e pulizia!

ALBIOL: 6emezzo Pochi errori, poco incisivo. L’attacco dell’Empoli non richiede grandi sforzi difensivi.

KOULIBALY: 7 Un pò più frenetico e teso rispetto al solito. Alcuni interventi sono un po’ bruschi e maldestri. Anche se perde un pò sull’eleganza, la sua media errori resta in prossimità dello zero.

GHOULAM: 7emezzo. Difende, attacca e recupera palle importanti. Padroneggia la fascia, precludendo agli avversari ogni tipo di iniziativa su quel corridoio di campo capeggiato da lui.

ALLAN: 8 Riscatto a pieni voti. Oggi per lui nessuna insufficienza, nessun discreto. Ma pieni voti. Forte e deciso nella fase di recupero, equilibrato e concentrato quando è chiamato nella costruzione dei passaggi finali delle azioni offensive.

JORGINHO: 8. Nonostante la pesantezza del campo con un gioco volto all’ostruzionismo e al fallaccio facile, riesce a seguire, partecipare attivamente e rendere al massimo. Una grande prova di maturità per il brasiliano.

HAMSIK:8emezzo. Non ci sono più aggettivi per descriverlo. È una meraviglia. Riesce ad adattare il suo gioco a tutte le necessità del campo. E quando interpreta la chiave di lettura della partita…la vittoria è FATTA!

CALLEJON:8emezzo Ha dovuto aspettare e pazientare un pò troppo, ma il giusto premio per le sue prestazioni eccellenti al servizio di Higuain e compagni, arriva oggi con una Doppietta. Il primo goal segnato da un pizzico di acrobaticità e l’altro frutto di una buona dose di tecnica e classe. Che dire se non…ECCEZIONALE.

HIGUAIN:8emezzo Affamato dall’inizio, chiede e cerca l’appoggio dei suoi compagni per mettere la sua firma anche su questa vittoria. Si fa attendere un pò, ma come sempre non manca: un meraviglioso colpo di testa, variando così,  anche la sua tipologia di realizzazione. Un brutto colpo alla schiena lo costringe alla sostituzione. Sost. GABBIADINI: 6emezzo Fa sempre bella figura, anche se gioca poco. Meriterebbe più minuti.

INSIGNE:8emezzo Si concede un eurogoal su punizione, impossibile per il portiere  evitare il doppio vantaggio firmato dallo scugnizzo. La panchina e le lavate di testa, hanno dato ottimi frutti: meno egoismo più umilta’.  SOST.MERTENS: 7 Non è importante se gioca dall’inizio, o solo metà gara. È sempre un’arma in più. Colpisce e non lascia superstiti.


Stampa in PDF


I commenti sono chiusi.