B-Campania: Benevento e Avellino SI! Salernitana sconfitta con la Spal

164711823-be639e87-29ef-47cb-a415-03ea176aee7fNapoli – Si arriva al sabato pomeriggio e torna, come di consueto, la serie B. Tra le tante formazioni impegnate sui campi alle 15:00 ci sono in contemporanea anche le tre campane: Benevento, Salernitana e Avellino.
I giallorossi in stato di grazie ospitano il Novara. La sfida sulla carta dovrebbe essere senza appello, un vero testa – coda tra i vertici alti della classifica – il Benevento – e la parte bassa della stessa – il Novara.
Se i campani sono infatti terzi a pari merito con il Pisa di Gattuso e a meno due dal Verona, quindi dalla zona promozione diretta, gli ospiti vivono un inizio di stagione difficile in piena zona playout.

La Salernitana, invece, è impegnata in un’importantissima trasferta contro la Spal. Gli amaranto in classifica viaggiano in zona sopravvivenza a 6 punti, con otto squadre a separarli dall’ultimo posto ma compresse in appena tre punti. Tra le squadre che separano la Salernitana dalla zona rossa c’è proprio la Spal, per uno scontro quindi da brividi e che potrebbe tanto far volare quanto sprofondare i campani.

L’Avellino, ultimo, accoglie la Pro Vercelli distante appena tre punti. I campani sono ovviamente costretti a vincere per uscire da una situazione difficilissima, ma dalla quale si può ancora venire fuori. Di fronte però ci sarà una squadra poco disposta a lasciare punti sul campo di una diretta concorrente.

Benevento – Novara
I padroni di casa capiscono subito che non sarà un pomeriggio semplice contro il Novara, nonostante la classifica. Al 4′ Sansone a tu per tu con il portiere: tiro respinto da Cragno. Dopo le prime difficoltà i padroni di casa escono fuori con Galabinov e Ceravolo. Proprio quest’ultimo al 18′ sfiora il vantaggio. Destro in diagonale da buona posizione: Da Costa para a terra. Il Benvento entra piano piano in pieno controllo, mettendo alla prova Da Costa e trovando una serie di corner. Al 36′ è Melara a saggiare ancora i riflessi dell’estremo difensore ospite. Conclusione sul primo palo, Da Costa devia in corner. Nel finale i padroni di casa insistono. Al 43′ è il solito Ciciretti a tentare una buona conclusione dal limite, ma è quasi allo scadere che arriva il tanto desiderato vantaggio. Al 44′ Chibsah con un destro dal limite  insacca nell’angolino dopo uno scambio con Ceravolo. Benevento 1 – Novara 0.
Nella riprese i padroni tengono il pallino del gioco, senza affondare il colpo decisivo. Così con calma è il Novera a rifarsi sotto, con Casarini sugli scudi. L’occasione migliore il giocatore del Novara la trova al 65′. Cragno è costretto a rimediare in due tempi. Dopo dieci minuti il duello si ripete, con il portiere giallorosso strepitoso. Casarini va a colpo sicuro da dentro l’area, ma il portiere del Benevento gli chiude clamorosamente la porta. Al 86′ si rivede il Benevento in avanti. Adorjan serve un buon pallone sul secondo palo dove l’accorrente Bajde non riesce a impattare la sfera. Nel finale ancora Benvento vicino al raddoppio. Troest stacca di testa e sfiora il palo. La sfera si spegne sul fondo. La gara termina però così. Benevento 1 – Novara 0.
Vittoria importantissima del Benevento, sempre più sorpresa. I giallorossi con questo 1 – 0 tengono saldamente il terzo posto e restano in scia del Verona.

Spal – Salernitana
Partono subito forte gli ospiti che al 4′ trovano un calcio di punizione pericoloso guadagnato da Donnarumma. Dalla punizione di Rosina, torre di Coda, Donnarumma, di testa, insacca da distanza ravvicinata. Secondo gol in campionato per il numero 11. Spal 0 – Salernitana 1.
Passano però appena tre minuti e i padroni di casa pareggiano: Al 7′ Schiavi perde palla in fase d’impostazione, Zigoni ne approfitta ma la sua conclusione viene murata. Schiattarella arriva a rimorchio e realizza il pareggio immediato dei biancazzurri. Spal 1 – Salernitana 1.
Dopo la partenza forte di entrambe le  due squadre tirano i remi in barca e si studiano. Alla mezz’ora è però la Spal a tentare di affondare il colpo. Al’ 34 percussione centrale di Cremonesi. Odjer affonda il tackle e concede una punizione da posizione interessante. Del Grosso s’incarica della battuta: il suo sinistro a giro scavalca la barriera e scheggia il palo. Il vantaggio è però solo rimandato. Al 38′ Schiattarella pennella dalla bandierina. Mora, lasciato colpevolmente solo dalla difesa ospite, realizza con un colpo di testa. Spal 2 – Salernitana 1.
Nel finale gli ospiti tentanto di rimettere in pari la gara. Al 43′ Coda entra in area dalla destra e cerca il servizio al centro per Donnarumma. Il bomber, disturbato da Cremonesi, non riesce a girare verso la porta.
Nella ripresa Semplici lascia in panchina Vicara per Gasparetto, ma è la Salernitana a trovare subito il pari.
Al 47′ Imbucata di Odjer, Coda si coordina e calcia al volo col destro. La sua magnifica conclusione lascia pietrificato Branduani. Spal 2 – Salernitana 2.
La gara diventa una vera girandola di emozioni, perché appena otto minuti dopo la Spal ripassa in vantaggio. Al 55′ Mora ruba palla a Schiavi e serve Antenucci. Il numero sette tiene a distanza Mantovani e Bernardini e realizza con un destro a giro. Primo gol in campionato per lui. Spal 3 – Salernitana 2.
Dopo un mezzo forcing degli ospiti per trovare il pari è la Spal a sfiorare il quarto gol. Al 61′ Angolo di Schiattarella, Terracciano salva su Giani. Gli ospiti non riescono ad essere pericolosi sino al 84′, quando arriva una grande occasione:  Improta triangola con Coda, ma non inquadra la porta di testa. Un minuto dopo però per gli amaranto piove sul bagnato. Scintille tra Schiavi e Rigoni. Ghersini estrae un giallo a testa. Per il difensore ospite è la seconda ammonizione e dunque rosso. Gli ospiti non si arrendono e al 89′ ci riprovano. Incursione in area di Improta. Branduani si oppone al sinistro del nuovo entrato. Purtroppo per la Salernitana è però l’ultima occasione. La gara vede uscire vincente la Spal per 3 – 2.
La Salernitana con questa sconfitta torna a tremare. Gli amaranto si trovano ora in un gruppone di otto squadre che vanno proprio dai sei punti degli amaranto ai quattro del Latina, divenuto ultimo. Insomma non si può certo dormire tranquilli, visto che a tenere la Salernitana fuori dalla zona playout è solo la differenza reti.

Avellino – Pro Vercelli
Pronti via e l’Avellino rischia subito. Al 1′ minuto Mustacchio di destro tenta una conclusione a giro, para Radunovic. Passano tre minuti e ancora Mustacchio è fermato solamente dall’estremo difensore di casa. Dopo l’avvio difficile l’Avellino tenta di alzare il ritmo e pian piano inizia a fare gioco. I frutti del cambio d’atteggiamento portano al vantaggio al quarto d’ora di gioco. Al 14′ D’Angelo ruba palla a Palazzi, Ardemagni serve Verde che entra in area e batte Da Costa.
Dopo un buon inizio degli ospiti l’Avellino ha preso il controllo della gara e gioca meglio. Al 34′ arriva anche l’occasione del raddoppio su contropiede. Verde scodella in mezzo per Ardemagni, che però calcia fuori da ottima posizione. Il finale di tempo è poi ricchissimo di emozioni. Al 39′ l’arbitro concede un rigore alla Pro Vercelli per fallo di Gonzaleza. Dal dischetto va Mustacchio che batte Radunovic al 40′. Avellino 1 – Pro Vercelli 1.
Passano appena due minuti e si ripete la stessa scena sul fronte opposto. Fallo da rigore su Asmah. Dagli undici metri va Verde che trova il nuovo vantaggio e la doppietta personale al 43′. Avellino 2 – Pro Vercelli 1.
Dopo il vantaggio trovato in chiusura di tempo dall’Avellino la Pro Vercelli tenta subito l’aggancio. Al 46′  Djimsiti perde palla e Mustacchio calcia solo davanti a Radunovic, che però para. Passano però quattro minuti e i padroni di casa calano il tris. Al 50′ una palla filtrante di Verde trova Ardemagni che batte Provedel. Avellino 3 – Pro Vercelli 1.
Al 55′ Sporcati con una conclusione dal limite tenta di accorciare le distanza, ma la sfera si spegne sul fondo. Gli ospiti tentanto di colpire in avanti, ma l’Avellino tiene bene e il tempo scorre. Dopo la roulette dei cambi a mezz’ora dalla fine altalena di occasioni. Al 70′ Camara con in gran sinistro da fuori batte Provedel, ma trova la traversa a dirgli di no. Un minuto dopo è Palazzi sul fronte opposto ad impegnare seriamente Radunovic. L’Avellino tenta di controllare, ma la Pro Vercelli ancora nel finale ci crede. Al 81 è Bani di testa sugli sviluppi di un corner a mandare di poco sul fondo. Sei minuti dopo è ancora Bani, ormai vero attaccante aggiunto, a tentare la rete. Il pallone però termina ancora sul fondo.  Al 89′ ancora Mustacchio ci prova. Stacco dell’attaccante e grande parata di Radunovic: Palazzi manda fuori sulla respinta. Al 91′ gli sforzi ospiti vengono ricompensati. Ebagua spizza per La Mantia che batte Radunovic di testa. Avellino 3 – Pro Vercelli 2.
Un minuto dopo un conclusione di Camara viene deviata in corner dal portiere ospite, ma non c’è più tempo. L’Avellino vince 3 – 2 e porta a casa tre punti preziosissimi.
Vittoria importantissima per gli uomini in verde. L’Avellino stacca così l’ultima piazza della classifica, ora occupata dal Latina, e in un sol colpo riaggancia Salernitana, Cesena e Pro Vercelli staccando invece Novara, Trapani, Vicenza e Latina. Insomma ora l’Avellino può dirsi in piena lotta salvezza.

 


Stampa in PDF


I commenti sono chiusi.