Ballottaggi? La debacle della sinistra italiana

Ieri, 24 giugno, i cittadini di 75 comuni italiani sono stati chiamati per esprimere la loro preferenza nei ballottaggi delle amministrative svoltesi lo scorso 10 giugno. Quello che risulta chiaro è il declino vertiginoso della sinistra italiana. Il Partito Democratico, grazie alla sua esperienza quinquennale al governo del paese, trascina con sé tutti gli altri esponenti del centrosinistra italiano in una caduta inarrestabile. Vincitore indiscusso di questa tornata elettorale? Il centrodestra. Non male anche per i Cinque Stelle che conquistano con un risultato eclatante, quasi il 60% delle preferenze, Avellino e non solo. Diventa pentastellata anche Imola. La sinistra, quindi, dovrebbe interrogarsi seriamente sulle scelte politiche fatte in questi ultimi anni, anche se pare che l’attenzione dei leader nazionali sia rivolta esclusivamente a patteggiare nella querelle infinita Salvini-Saviano , ovviamente difendendo quest’ultimo in relazione alle minacce del Ministro dell’Interno di sospendere la scorta al giornalista napoletano. Se da un lato vi sono elettori delusi ed amareggiati per i risultati della propria compagine politica, dall’altro ci sono i loro stessi rappresentanti nelle istituzioni che pare si perdano in continue e sterili polemiche sull’attuale governo, anziché interrogarsi seriamente sulle sorti di uno schieramento politico quasi del tutto emigrato, nei consensi, verso la destra moderata e verso il Movimento Cinque Stelle. Forse, bisognerebbe ripartire davvero, cominciando a mettere da parte i personalismi e tornare ad ascoltarsi, cosa che ormai non avviene più all’interno delle direzioni di partito né nelle plenarie della costellazione di partiti del centrosinistra. Un dato è certo, l’Italia non si discosta dal bipolarismo che l’ha sempre contraddistinta politicamente parlando, solo che ormai ad essere considerati di sinistra sono i post-ideologici grillini, contrapposti alla solida alleanza di centrodestra con a capo il Carroccio di Matteo Salvini.


Stampa in PDF


I commenti sono chiusi.