La Danza Ovunque – Il nuovo spettacolo di Anna Tramontano arriva alla Fiera della Casa!

Il Corriere della Campania ha avuto il piacere di incontrare una delle artiste napoletane più innovative che con la sua sperimentazione coreografica sta facendo molto parlare di sé. Questo sabato porterà in scena la sua nuova creazione alla Mostra D'Oltremare.

 

Ogni giorno si deve ballare, anche se solo nel pensiero.

Nachman Braslaw

LA DANZA OVUNQUE  è il titolo dello spettacolo, ideato, diretto e coreografato da Anna Tramontano. Questo sabato 7 luglio, in onore della Fiera della Casa che si terrà presso la Mostra d’Oltremare, la coreografa è stata invitata a riportare in scena alcuni estratti di successo -tra cui “To build the home“, ballato circa un anno fa in uno dei più importanti teatri napoletani, l’Augusteo- ed arricchirli con nuovi brani coreografici.

Lo stile che la Tramontano sperimenta e insegna ai suoi allievi, nasce dalla contaminazione della neo danza floor-work e del teatro danza e fisico contemporaneo; la pioniera Pina Bausch credeva che l’artista dovesse sentire, sentirsi e poi farsi sentire. A quest’idea originale, la coreografa napoletana aggiunge l’interazione con oggetti inusuali, come cuscini e persino vasche da bagno.

L’inizio dello spettacolo è previsto per le ore 19:45 nello spazio antistante i gradini d’ingresso al Teatro Mediterraneo dove gli spettatori potranno godersi la performance tranquillamente seduti. La durata prevista è di circa 50 minuti e l’ingresso presso la Fiera è gratuito per tutti. 

Noi del Corriere della Campania abbiamo intervistato in anteprima la coreografa Anna Tramontano.

Da dove nasce l’idea di uno spettacolo come LA DANZA OVUNQUE?

Nasce dall’idea che la danza è davvero ovunque sia come spazio fisico che come spazio interiore e tempo di vita. La vita come la danza. La danza come la vita..non c’è differenza! Significa anche per me che se c’è qualcosa che non va nella vita, sia nel vissuto personale sia attuale bisogna vederci dentro la danza. Il corpo esprime messaggi propri che la mente non comprenderà mai…e in tutto puoi trovate un senso, un perché corporeo sensoriale e non puramente logico.

Cosa racconta lo spettacolo?

Sono quadri di vita, un susseguirsi di fasi e passaggi attraverso il contatto che c’è tra noi, le cose e gli altri. Il significato che c’è nel singolo gesto. La purificazione. È un po’ caotico come la vita. Un po’ contraddittorio. A tratti calmo. Semplice anche perché la semplicità è fondamentale.

Come si giustifica la scelta di un corpo di ballo formato anche da non professionisti del settore della danza?

Direi che è una parte interessante del mio lavoro. In questo spettacolo ho l’onore in primis di avere come mia performer la maestra che mi ha trasmesso il suo infinito sapere tersicoreo, Claudia Sales, che da due anni dirige anche la scuola dove collaboro la Claudia Sales Labart Dance insieme alle giovani partner Fabrizia Lanzotti ed Anna Sorrentino, mie compagne di studi di danza presenti anche loro nella performance. I performer del LA DANZA OVUNQUE sono un gruppo scelto tra gli allievi non professionisti che frequentano il mio corso Open di danza contemporanea che interagiscono con performer professionisti cui sono molto grata per la loro passione e che cito: Federica Manco, Adriana Mallardo, Piera della Morte, Matilde De Maria, Laura Musella, Mario Marzano, Luigi Cirillo.

Foto di Marialuisa Mungiello: pagina Instagram Marialuisa Mungiello

Riprese Video: Benedetta Trupiano

CONTATTI: pagina facebook coreografa Anna Tramontano;  email personale: dafnenausicaa@libero.it

Info scuola di danza:
Claudia Sales LabArt Dance Vico S. Maria della Neve, 13 – 80122, Napoli- +39 081 19330082- segreteria@labartdance.it- www.claudiasales.com | www.labartdance.it

I commenti sono chiusi.