Roma, Campo dei Fiori presa di mira da vandali francesi

Ancora vandali in azione nella Città Eterna. Dopo i vichinghi hooligans olandesi del Feyenoord che assalirono la Barcaccia del Bernini, ora quasi stessa sorte è toccata alla storica fontana di Campo dei Fiori presa di mira da tifosi e turisti francesi esultanti per la vittoria del Mondiale contro la Croazia. Forse non avrà avuto la stessa importanza del monumento berniniano ma l’immagine di frotte di francesi che ubriachi si tuffano nella vasca non rende alla Francia un buon servizio. La fontana ottocentesca copia della vasca della Terrina, progettata da Giacomo della Porta per la piazza e realizzata nel 1590 e guardata dalla statua di Giordano Bruno che lì fu arso vivo, secondo la Soprintendenza che si è recata in loco per accertamenti, non ha subito danni ma dovrà essere comunque effettuato una vasta operazione di pulizia a causa dello scempio e dei rifiuti lasciati dai tifosi d’oltralpe. Una festa incontenibile anche per le strade della capitale, che dopo il fischio di fine partita, ha condotto numerosi Francesi, fieri per aver conquistato la Coppa del Mondo, verso Campo dei Fiori dove si sono dati alla pazza gioia arrampicandosi sul monumento dopo una vistosa sbronza. I poliziotti che erano in servizio li hanno fatti uscire e allontanati. Poi sono stati allertati i vigili urbani di zona ma al loro arrivo i tifosi non c’erano più. Restavano però le loro tracce. Ancora una volta non vengono rispettati i nostri monumenti e la nostra storia, scene già viste che evidenziano come queste persone non sono state educate alla buona educazione e al decoro. Subito sulla vicenda è intervenuto il critico d’arte Vittorio Sgarbi che ha sottolineato come «queste scene mostrano il livello di civiltà di un popolo. Noi siamo in grado di autoregolarci, francesi e olandesi sono barbari, mi viene in mente il sacco di Roma».


Download PDF


I commenti sono chiusi.