Netflix prudurrà un suo LIBRO DELLA GIUNGLA e sarà girato da Gollum

Nell’ultima mossa di Netflix, la piattaforma di streaming ha acquisito i diritti mondiali di Mowgli, il live- action movie della Warner Bros sul giovane eroe de Il Libro della Giungla. La star della tecnica “motion capture” Andy Serkis (Gollum in Il Signore degli Anelli di Peter Jackson) ha diretto il film, che si distingue dal remake della Disney The Jungle Book del 2016. Il film era stato programmato per l’uscita nelle sale cinematografiche nell’ottobre 2018, prima che la Warner Bros lo vendesse a Netflix.

Questa non è la prima volta che lo streamer ha acquistato un film da un importante studio cinematografico per la distribuzione. In precedenza infatti aveva acquisito i diritti di The Cloverfield Paradox, film horror ambientato nello spazio rilasciato all’inizio di quest’anno dopo il Super Bowl. Come per The Cloverfield Paradox, che è stato scarsamente recensito da molti critici, l’acquisizione di Mowgli sembra essere un metodo di riduzione di rischio per la Warner Bros, (decisione che suggerirebbe la scarsa fiducia del film da parte dello studios).

Elementi simili sembravano essere in gioco già nell’acquisto dei diritti di streaming per il remake di Shift della Warner Bros. e della New Line e quello di Annihilation della Paramount. In un’intervista con The Verge all’inizio di quest’anno, il regista di Annihilation, Alex Garland, ha ammesso che “potrebbe esserci una discrepanza tra quello che faccio e il debutto nei weekend. Penso che le due cose potrebbero non adattarsi bene.” Garland ha fatto pensare che l’acquisizione dei diritti stranieri di Annihiliation da parte di Netflix abbia alleviato parte della pressione finanziaria per il successo americano.

Related Posts

Nel caso di Mowgli, il film della Warner Bros, era in una “corsa gemella” con la versione live-action della Disney del 2016 ma la Warner Bros ha perso la sfida e la versione Disney ha incassato ben 966 milioni di dollari in tutto il mondo.

“Ci siamo trovati in questa competizione con la Disney e ci è stato un momento in cui eravamo testa a testa su chi sarebbe arrivato primo”, ha detto Serkis a Deadline. “Entrambi gli studios volevano essere i primi”. Portare Mowgli a Netflix, piuttosto che puntare a una tradizionale uscita per il cinema, “evitia il confronto con l’altro film ed è un sollievo non essere sotto pressione”.

Il primo trailer definisce il film “il racconto più oscuro del capolavoro Il Libro della Giungla” dell’autore Rudyard Kipling. Il film di Serkis presenta un cast stellare per le voci degli iconici animali della giungla. Da Christian Bale per Bagheera, a Benedict Cumberbatch per la malvagia tigre Shere Khan, fino a Cate Blanchett per il serpente Kaa.

Netflix sta pianificando di rilasciare il film nel 2019.

I commenti sono chiusi.