6.2 C
Napoli

Nola, fatture false e concorrenza sleale a prezzi scontati: sequestrati 9 milioni di euro

Accusa di frode per un imprenditore che avrebbe abbattuto illecitamente il proprio carico fiscale.

La Guardia di Finanza ha eseguito un decreto di sequestro per oltre 9,3 milioni di euro. Il provvedimento cautelare è stato emesso nei confronti dell’amministratore di una società operante nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari e per l’igiene della casa. Il reato ipotizzato è di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, commesso negli anni d’imposta dal 2014 al 2020.

L’indagine ha consentito di svelare un ramificato sistema di frode carosello all’lva attuato con l’interposizione fittizia nella catena commerciale di numerose società «cartiere», con sedi tra Napoli e Salerno, nonché in Belgio, Bulgaria, Lituania e Spagna. Attraverso l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti emesse dalle società, prive di struttura aziendale e dedite alla sistematica violazione degli obblighi di dichiarazione e versamento dell’lva, l’amministratore della società ha potuto abbattere puntualmente il proprio carico fiscale, praticando sul mercato prezzi illecitamente concorrenziali rispetto agli altri operatori del settore.

Related articles

spot_img

Recent articles

spot_img