Ancora appalti truccati in Campania: arrestato un consigliere regionale

A Salerno gli agenti della Squadra Mobile hanno eseguito dieci misure cautelari per 29 indagati in coordinamento con la Procura della Repubblica.

In Campania uno dei problemi più grandi da gestire riguarda le inflitrazioni criminali in politica. Spesso, infatti, la gestione del territorio e dell'amministrazione comunale viene affidata, con e senza consapevolezza, a personaggi collegati ad associazioni a delinquere, che creano scorciatoie nascoste per la malavita locale danneggiando gli interessi dei cittadini.

A Salerno oggi gli agenti della Squadra Mobile hanno eseguito dieci misure cautelari per 29 indagati all'interno di un'inchiesta per cui sono accusati di turbata libertà degli incanti, induzione indebita, associazione per delinquere e di un caso di corruzione elettorale. 

Tra i destinatari delle misure cautelari compare anche Giovanni Savastano, consigliere regionale ed ex assessore delle Politiche Sociali del Comune di Salerno, accusato di corruzione elettorale e arrestato questa mattina.

Il caso è molto interessante: Savastano era stato eletto alle ultime elezioni regionali con la lista civica "Campania libera" ed era riuscito ad ottenere più preferenze di tutti gli altri candidati: ben 16 569, un risultato impressionante. E anche nel 2016 era stato rieletto al Comune di Salerno da più votato in città con 2371 preferenze.

E' strano, o forse no, che un candidato così ben voluto alla fine sia stato accusato di corruzione elettorale e arresato poco dopo l'inizio del suo mandato. Il più apprezzato dai cittadini è ora il più accusato dei sospetti. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie

Commenta

Top