La cronaca della Campania dal 24/07 al 30/07

Il racconto dei principali eventi regionali nell’ultima settimana di luglio

La Guardia di Finanza nell’ambito dell’indagine “Bad Drink” ha effettuato sequestri di gel disinfettante anti Covid e alcol per fini industriali, utilizzati per produrre illegalmente bevande alcoliche. Una ventina gli indagati, prevalentemente dell’agro nocerino-sarnese, nell’organizzazione che avrebbe evaso le accise fiscali in modo sistematico, visto che l’alcol per disinfettare non è soggetto a imposte quando viene introdotto in Italia, ma veniva poi utilizzato per produrre liquori. Tra i reati contestati vi sarebbe anche la contraffazione di marchi controllati, dalle confezioni di oli di semi spacciate per olio extravergine, ai vini adulterati con falsa etichettatura.

Migliorano le condizioni dei feriti nell’incidente di Capri, dove il 22 luglio scorso è precipitato un minibus. Nel grave incidente stradale è morto sul colpo l’autista 32enne, Emanuele Melillo, per le cause del decesso del quale l’autopsia sembrerebbe escludere un malore o una patologia. Per avere un quadro più chiaro si attende, comunque, l’esito degli esami istologici e tossicologici. Tra le ipotesi sulle cause dell’incidente prende quota quella del guasto meccanico, con in corso gli accertamenti sulle condizioni di funzionamento e di manutenzione del mezzo. A Marina Grande il minibus era in salita e procedeva a velocità normale. Improvvisamente il pullman ha sbandato, andando fuori strada e sfondando la recinzione. Il mezzo è così precipitato per alcuni metri in una scarpata, finendo la sua corsa contro le strutture esterne del lido “Le Ondine”. Pochi metri e sarebbe stata una tragedia ancora più pesante. Al di là della recinzione, infatti, vi era un solarium affollato. L’autista deceduto sarebbe diventato papà tra pochi mesi, come si apprende dai social sui quali aveva preannunciato la gravidanza della compagna. Melillo era separato e aveva già un bimbo.

Con un’ordinanza del 24 luglio il Comune di Napoli ha disposto il divieto balneazione tra Marechiaro e piazza Nazario Sauro, in seguito ai risultati delle analisi sulle acque dell’Arpac. I prelievi sono avvenuti in concomitanza con le forti piogge e l’aumentata pressione nella rete fognaria potrebbe aver fatto tracimare dei serbatoi di contenimento, provocando l’innalzamento del livello di colibatteri nel mare. In tanti hanno però ignorato lo stop disposto sul litorale cittadino, dopo anni di libera fruizione del mare cittadino da parte di residenti e turisti. Dopo la ripetizione delle rilevazioni, il sindaco Luigi De Magistris ha disposto il ripristino della balneazione sul Lungomare Caracciolo, a Posillipo, Palazzo Donn’Anna e Punta Nera. Resta il divieto temporaneo di balneazione, disposto con la precedente ordinanza, nei tratti di via Partenope, piazza Nazario Sauro e Marechiaro.

Nella notte tra sabato 24 e domenica 25 luglio, sulla pista da ballo di uno stabilimento balneare su un lido di Castel Volturno, una ragazza di 19 anni è stata ferita alla coscia destra a colpi d’arma da fuoco. Un altro giovane, di 24 anni, è stato colpito di striscio al tallone sinistro. I due giovani sono stati portati alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno. Dalla ricostruzione dei fatti, su cui stanno indagando le Forze dell’Ordine, sarebbe emerso che un malvivente avrebbe strappato la collanina dal collo alla 19enne mentre ballava, la quale resistendo avrebbe provocato la reazione e gli spari del bandito.

Il Governatore della Campania a margine di una visita al Policlinico di Napoli ha dichiarato «Facciamo altre dieci ordinanze per rendere obbligatorie le mascherine, anche sulle orecchie», preannunciando la proroga dell’ordinanza sull’obbligo delle mascherine all’aperto che scade a fine luglio. Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha aggiunto: «Quando diciamo che chi si vaccina è immunizzato per il 92% al massimo, dobbiamo sapere che anche con la seconda dose c’è un 10% che si contagia. Il vantaggio è che chi è immunizzato non va in terapia intensiva e non ha problemi seri ma contagia a sua volta gli altri, quindi l’uso della mascherina dev’essere obbligatorio sempre anche quando si è vaccinati per la tutela propria e degli altri. È davvero un martirio portare la mascherina? Certo è un piccolo fastidio ma in cambio abbiamo una grande protezione e un aiuto per tornare alla vita normale. Un po’ di buon senso». De Luca ha anche sottolineato i rischi della movida: «avete visto le immagini dei locali notturni e delle discoteche? Anche quando fanno finta di avere ingressi controllati, venti, dieci, trenta persone, arrivano l’una-le due di notte e si scatenano, entrano centinaia di persone a fare quello che vogliono. Non va bene». Nel corso di una visita al Rione Terra di Pozzuoli, De Luca ha incalzato sulla necessità di vaccinare almeno l’80% della popolazione scolastica per riaprire le scuole in presenza. «Nonostante siano aperti dieci centri vaccinali nel territorio dell’Asl Napoli 1 non abbiamo ancora un livello adeguato di iscrizioni di vaccinazione per la fascia al sotto dei 18anni. E’ chiaro che se vogliamo arrivare in tranquillità al nuovo anno scolastico noi dobbiamo vaccinare l’80% della popolazione studentesca». Hai, poi, aggiunto «Se non ci sono le condizioni di sicurezza le scuole non aprono in presenza. Si devono vaccinare. Non è un obbligo perché questo lo decide il governo nazionale. Se abbiamo in un istituto scolastico solo il 10% dei ragazzi vaccinati si fa la scuola a distanza, non c’è niente da fare».

Lunedì 26 luglio un vasto incendio si è sviluppato in una fabbrica di produzione di cialde di caffè, nell’area industriale di San Marco Evangelista. Le fiamme hanno prodotto una nube nera che ha invaso i centri abitati dei comuni limitrofi raggiungendo il capoluogo Caserta, distante pochi chilometri. Sul posto sono accorse le Forze dell’Ordine e squadre di Vigili del Fuoco che hanno lavorato anche di notte per domare il rogo presente all’interno dei capannoni. Sul luogo sono intervenuti anche i tecnici dell’Arpac, che hanno effettuato attività di misura dei livelli di inquinamento, con l’installazione di apposita strumentazione per il rilevamento di diossine e monitoraggio della qualità dell’aria. Sul fronte delle indagini sembra prevalere l’ipotesi del dolo.

Nella mattinata, dopo il weekend, il servizio di vigilanza attivo presso la Banca Campania Centro a Salerno si è accorto dell’accesso di una banda di ladri all’interno dell’istituto bancario. I banditi avrebbero attraversato il sistema fognario, nella notte tra sabato e domenica scorsi, per introdursi direttamente all’interno del caveau dell’agenzia. Ammonterebbe a 140mila euro il bottino del furto sul quale sono in corso indagini della Polizia di Stato, con la collaborazione dei Vigili del Fuoco e degli investigatori della Polizia Scientifica. Gli agenti stanno visionando le telecamere della zona e quelle interne alla banca, per cercare di intercettare eventuali sopralluoghi preliminari necessari a mettere a segno un colpo organizzato nei minimi dettagli.

Torture, lesioni e maltrattamenti ai danni di numerosi detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere sono i reati contestati, a vario titolo, a svariati soggetti nei confronti dei quali sono state eseguite ordinanze applicative di misure cautelari personali. Si tratta di persone in servizio in diversi uffici del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria della Campania, alcune delle quali sono finite in carcere, mentre per altre sono scattati gli arresti domiciliari, l’obbligo di dimora o la sospensione dell’esercizio del pubblico ufficio. Le indagini riguardano gli eventi del 6 aprile 2020. Secondo la Procura in quel giorno nel carcere ci furono “violenze” ai danni dei detenuti dopo delle manifestazioni di protesta dei reclusi nelle giornate del 9 marzo e del 5 aprile 2020, in pieno lockdown. Nei confronti di Elisabetta Palmieri, direttrice della Casa Circondariale di Santa Maria Vetere “Francesco Uccella” è stato avviato il procedimento di revoca dell’incarico. È quanto emerge da fonti del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

....

Raccontiamo nuove storie

Commenta

Top