“Dieci piccoli infami”: il nuovo libro di Selvaggia Lucarelli

0

“Dieci piccoli infami”, il nuovo romanzo della nota blogger, opinionista e conduttrice radiofonica, Selvaggia Lucarelli, a poche settimane dalla pubblicazione, si piazza ai vertici delle classifiche tra i libri più venduti degli ultimi mesi.

Il motivo? Non solo la nota influenza mediatica dell’autrice, uno tra i personaggi più discussi dal web, ma soprattutto la versatilità del romanzo, che si presta ad una scorrevole e piacevole lettura, dal retrogusto satirico e pungente, cogliendo l’attenzione del lettore più “leggero” come di quello più “impegnato”. La chiave vincente del romanzo è la familiarità, quella sottesa unione che viene a crearsi tra l’autrice e il lettore, in un divertente gioco di riconoscimenti, in quanto ognuno può facilmente immedesimarsi nelle storie narrate, una vera e propria “Black list” di situazioni, persone, inconvenienti che hanno segnato la vita dell’autrice, rendendola la donna che è oggi. Una sorta di promemoria di esperienze esilaranti, ma al contempo “formative”, a tracciare un viaggio esistenziale in cui la protagonista è l’eroina del popolo, della gente comune. Il lettore diviene intimo confidente, compagno di viaggio, alter ego dell’autrice. Dalla prima delusione d’amore, passando per il viaggio più sfortunato, all’amica più infame, alla relazione più traumatica, Selvaggia si racconta e “ci racconta”. Le nostre vite si riflettono nella sua, perchè, diciamoci la verità, chi non ha mai desiderato di stilare una lista nera di cose, eventi e persone da cui stare alla larga? Di esperienze che ci hanno segnato e trasformato? Con il suo stile corrosivo, irriverente, ironicamente beffardo, la Lucarelli dà alla luce un altro coinvolgente romanzo, dopo l’uscita dei primi due suoi libri, “Mantienimi, edito nel 2004 e “Che ci importa del mondo”, del 2014. “Dieci piccoli infami” è un itinerario tra le avventure che hanno reso Selvaggia la donna che tutti noi conosciamo oggi. Che l’abbiano migliorata o peggiorata, sta al lettore decretarlo! Buona lettura!


Stampa in PDF