Qualità della vita 2017, Caserta e Napoli fanalino di coda

Fanalino di coda per le province di Napoli e Caserta che si piazzano rispettivamente al 107° e al 110° posto nella classifica sulla qualità della vita nelle province italiane rilevata dal Sole 24 ore. Non è certo una buona notizia per la regione Campania che nell’indagine su 110 province si colloca alla fine mentre Belluno svetta prima in classifica. Diversi i parametri utilizzati nell’analisi che miscela 42 indicatori in sei macro-settori come ricchezza e consumi, lavoro e innovazione, ambiente e servizi, demografia e società, giustizia e sicurezza e cultura e tempo libero. In coda alla graduatoria complessiva finiscono proprio le aree di Campania e Puglia: ben otto nelle ultime dieci posizioni, con Caserta maglia nera 2017 e Taranto al penultimo posto. Al terz’ultimo c’è Reggio Calabria, mentre le città del Nord sono quasi tutte in vetta, per trovare la prima provincia del Sud bisogna andare al 52° posto con Oristano. Ciò significa che il divario tra Nord e Sud Italia si fa sempre più amplio in quanto le aree centro-settentrionali mantengono i loro primati di ricchezza, lavoro e innovazione, superando anche il Sud su demografia e tempo libero. Dati piuttosto preoccupanti se questa analisi riguarda il benessere, non solo economico, dei territori italiani in quanto sono cambiati ben sei indicatori e si sono presi in considerazione quest’anno anche i parametri nuovi come acquisti online, gap retributivo di genere, spesa in farmaci, consumo di suolo, anni di studio degli over 25 e indice della litigiosità nei tribunali, una scelta dettata dall’esigenza di tener maggiormente conto dell’evoluzione sociale, economica e degli stili di vita degli italiani. Un’indagine di cui bisogna tenere sicuramente conto perchè i problemi di vivibilità nelle città del Meridione e in Campania sono all’ordine del giorno e spesso ci si sente cittadini di serie B paragonando tali livelli a quelli del Nord. Questo ci fa capire che a distanza di decenni, l’Unità di Italia non si è mai compiuta e l’immagine del treno a due velocità è ancora tragicamente attuale.


Stampa in PDF


Sei arrivato fin qui

  Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge il Corriere della Campania senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.  

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi del Corriere della Campania e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.  

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.  

Grazie, Amerigo D'Amelia

I commenti sono chiusi.