Trump: «USA fuori dall’accordo sul nucleare con l’Iran»

Dopo aver più volte bollato l’accordo come «imbarazzante» e «il peggiore mai sottoscritto dagli Stati Uniti», il Presidente Trump ha annunciato la fuoriuscita degli Stati Uniti dallo storico accordo nucleare con l’Iran, fortemente voluto dal Presidente Obama e siglato il 14 luglio 2015 da Francia, Regno Unito, Germania, Cina e Russia, oltre che da Unione europea e Stati Uniti. Secondo il Presidente americano l’Iran ha mentito: «Teheran continua nella ricerca delle armi atomiche» ha affermato, e la sua minaccia militare sarebbe cresciuta del 40%. Per rafforzare la sua tesi, Trump fa riferimento a quanto detto pochi giorni fa, il 30 aprile, dal Primo ministro di Israele Benjamin Netanyahu, che in un discorso pubblico ha annunciato: «Teheran mente sfacciatamente sulle armi e punta a dotarsi di almeno cinque ordigni nucleari». Trump ha poi aggiunto che presto torneranno le sanzioni al regime iraniano: saranno reintrodotte tra 90 giorni quelle relative all’acquisto di dollari americani dall’Iran e quelle relative al settore metalli ed auto; bisognerà attendere invece 180 giorni per la reintroduzione di quelle legate al petrolio.


Stampa in PDF


Sei arrivato fin qui

  Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge il Corriere della Campania senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.  

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi del Corriere della Campania e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.  

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.  

Grazie, Amerigo D'Amelia

I commenti sono chiusi.