Moda, design e tanta passione napoletana: ecco come nasce un brand Made in Naples

Quando si parla di moda si pensa subito alle grandi città Roma e Milano, ma non tutti sanno che ci sono altre città del nostro Paese che vantano una tradizione di alta moda e artigianato con radici ben più antiche. Si parla di Napoli. La sua storica sartoria si è fatta apprezzare molto presto in tutto il mondo, riconosciuta per lo stile ricercato e attento a ogni dettaglio e valorizzato dall’alta qualità della materia prima.
Oggi la moda a Napoli non è solo rappresentata dalle classiche boutique pregiate di alta sartoria. Negli ultimi anni, infatti, sono nati molti brand volti più ad uno stile casual e sportivo che veste adulti, ragazzi e bambini. Parliamo di Original Marines, Yamamay, Harmont&Blaine e altri che, partendo da Napoli si sono ben presto diffusi su tutto il territorio nazionale e internazionale.
Lavorare nel mondo della moda Made in Naples è senza dubbio un grande onore per chi è napoletano e ama questo mestiere.
Lidia Riccio, fashion designer, ci spiega come funziona questo settore e ci racconta del brand che segue: Matilde Couture.
Con sede a Pozzuoli, si tratta di un marchio giovane in tutti i sensi, seguito e realizzato appunto da ragazzi per un pubblico di coetanee tutto al femminile che nasce, produce e vende completamente Made in Naples.
In quanto fashion designer per il suo ruolo è fondamentale l’ispirazione che nasce dall’osservazione. Osservazione delle nuove tendenze e di quelle passate, osservazione dell’arte, della fotografia e dei social. Un mix di ricerche che danno vita a un input personale e privato da cui poi parte il progetto per un’intera collezione.
Anticipazioni delle prossime tendenze invernali, a suo dire, saranno sicuramente il ritorno delle paillettes, dello spalmato, dei colori brillanti per un look scintillante che non ti fa passare inosservata.
Rivolta alle ragazze che vogliono farsi notare e brillare durante la sera, si tratta di una linea di party dress che si compone di abiti mini e maxi fatti di luccichii e trasparenze e colori luminosi come il magenta, il blu cobalto e i classici nero e nude. Per i suoi tessuti sceglie le trasparenze del lurex, il jersey, lo chiffon, il velluto, il raso e le paillettes.
Modelle e influencer si alternano nella scelta dei book per dar luce ad una collezione che sappia attirare e allo stesso tempo valorizzare la creatività di giovani napoletani.


Stampa in PDF


Sei arrivato fin qui

  Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge il Corriere della Campania senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.  

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi del Corriere della Campania e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.  

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.  

Grazie, Amerigo D'Amelia

I commenti sono chiusi.