Shonda Rhimes collaborerà con NETFLIX!

Come noto, Shonda Rhimes ha firmato un accordo con Netflix, per la produzione di nuovi contenuti a partire dal 2019. Insieme al gigante dello streaming ha acquisito i diritti sull’articolo del New York Magazine, Come Anna Delvey ha ingannato il People Party di New York di Jessica Pressler.
Si tratta di una storia molto semplice ma alquanto sorprendente: la giovane Anna divenne “famosa” quando fu rivelato che si era presentata come una ricca ereditiera tedesca nell’alta società di New York, riuscendo a sfruttare con l’inganno numerose persone e istituzioni allo scopo di finanziare il suo sontuoso stile di vita.
La giovane, una volta scoperta la truffa è stata arrestata e attualmente è detenuta nella prigione di Rikers Island a New York.
L’articolo del New York Magazine ha già fatto il giro tra i vari produttori e studi nelle ultime settimane, ci sarebbero addirittura star come Jennifer Lawrence e Margot Robbie che hanno espresso interesse per il ruolo principale.

L’acquisizione segna il primo progetto della Rhimes da quando ha firmato il suo nuovo accordo con Netflix.
Ad agosto infatti, era stato annunciato che Rhimes e la sua casa di produzione Shondaland, avrebbero lasciato la ABC dopo 15 anni per un accordo pluriennale con lo streamer. Tuttavia, Shonda ha chiarito presto che sarebbe rimasta coinvolta nella sua lista attuale di spettacoli ABC: Grey’s Anatomy, For the People, Station 19 e How to Get Away with Murder. L’altra serie di punta della Rhimes, Scandal, è terminata quest’anno dopo sette stagioni.

Ricordiamo che non solo la Rhimes ha firmato un accordo con Netflix, le fa infatti compagnia il mega-produttore Ryan Murphy che ha lasciando la 20th Century Fox TV dopo oltre un decennio.
Murphy è noto per la creazione di serie di successo come “American Horror Story”, “American Crime Story” e “Glee”

ha firmato un accordo con Netflix, per la produzione di nuovi contenuti a partire dal 2019. Insieme al gigante dello streaming ha acquisito i diritti sull’articolo del New York Magazine, “Come Anna Delvey ha ingannato il People Party di New York” di Jessica Pressler.
Si tratta di una storia molto semplice ma alquanto sorprendente: la giovane Anna divenne “famosa” quando fu rivelato che si era presentata come una ricca ereditiera tedesca nell’alta società di New York, riuscendo a sfruttare con l’inganno numerose persone e istituzioni allo scopo di finanziare il suo sontuoso stile di vita.
La giovane, una volta scoperta la truffa è stata arrestata e attualmente è detenuta nella prigione di Rikers Island a New York.
L’articolo del New York Magazine ha già fatto il giro tra i vari produttori e studi nelle ultime settimane, ci sarebbero addirittura star come Jennifer Lawrence e Margot Robbie che hanno espresso interesse per il ruolo principale.
L’acquisizione segna il primo progetto della Rhimes da quando ha firmato il suo nuovo accordo con Netflix.
Ad agosto infatti, era stato annunciato che Rhimes e la sua casa di produzione Shondaland, avrebbero lasciato la ABC dopo 15 anni per un accordo pluriennale con lo streamer. Tuttavia, Shonda ha chiarito presto che sarebbe rimasta coinvolta nella sua lista attuale di spettacoli ABC: Grey’s Anatomy, For the People, Station 19 e How to Get Away with Murder. L’altra serie di punta della Rhimes, Scandal, è terminata quest’anno dopo sette stagioni.
Ricordiamo che non solo la Rhimes ha firmato un accordo con Netflix, le fa infatti compagnia il mega-produttore Ryan Murphy che ha lasciando la 20th Century Fox TV dopo oltre un decennio.
Murphy è noto per la creazione di serie di successo come “American Horror Story”, “American Crime Story” e “Glee”.


Stampa in PDF


Sei arrivato fin qui

  Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge il Corriere della Campania senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.  

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi del Corriere della Campania e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.  

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.  

Grazie, Amerigo D'Amelia

I commenti sono chiusi.