Allegri, post Napoli-Juventus: "Sconfitta amara, bisogna lavorare"

Seconda sconfitta in tre partite collezionata dalla Juventus di Allegri, che guarda al futuro e parla di Champions e preparazione futura nella conferenza post partita.

La Juventus ha giocato una buona gara, questa è la covinzione di Allegri. Purtroppo, come nelle prime giornate, a rallentare il cammino degli Juventini ci sono stati degli errori individuali imprevedibili. L' importante per il tecnico è ora pensare alla Champione: punto di partenza per ripartire e dare una svolta al campionato.

 

Ecco le parole dell'allenatore:

 

 

 

Le è piaciuto qualcosa in particolare in questa serata, considerando le tante assenze a cui avete dovuto far fronte?

 

Mi è piaciuto l'atteggiamento della squadra che comunque il primo tempo ha fatto una partita tecnicamennte valida; il secondo tempo hanno preso il sopravvento loro: difensivamente abbiamo fatto bene, ma ci sono degli errori durante la stagione dei singoli che certe volte paghi, altre no e noi stiamo pagando tutto in questo momento. C'è sicuramente da migliorare sotto l'aspetto tecnico, ma oggi c'è stato un bel Napoli e i ragazzi hanno giocato come dovevano. Ora ci tocca pensare alla Champions, poi si riprende la preparazione del campionato, dove mancano ancora i tre punti.

 

Un punto in tre partite è un aspetto che la preoccupa dal punto di vista di una ricaduta mentale o in questo momento ciò che è più importante è recuperare giocatori? Si fida di questo gruppo?

 

Stasera ho avuto la certezza che questo gruppo recupererà presto terreno, perchè è destinato a crescere. Stasera, è stata una sconfitta diversa che bisogna mettere da parte in vista della Champions martedì: dobbiamo giocare diversamente e cercare i tre punti.

 

Bisognerà mettere da parte anche i gol che oggi Ronaldo ha segnato con la maglia del Manchester?

 

Ormai Ronaldo non c'è più, appartiene al passato. Qui in Italia c'è il vizio di pensare al passato: Ronaldo ha fatto una scelta e la scoietà non l'ha trattenuto; ma abbiamo tanti giocaotri validi e recupereremo terreno.

 

Quacuno dirà che la Juventus di oggi non è giudicabile a causa delle assenze, ma se è giudicabile, cosa direbbe?

 

Sicuramente è giudicabile, perchè la squadra ha giocato tecnicamente una buona partita. Dovevamo essere più lucidi vicino all'area, ma non lo siamo stati e bisogna migliorare. La squadra ha giocato bene dal punto di vista tecnico e mentale, comunque contro un buon Napoli. 

 

L'ultima volta che Allegri ha fatto un punto in tre partite era l'anno della grande rimonta, può ripetersi?

 

Io ho ricordato ai ragazzi che questa è stata una bella partita, che Martedì c'è la Champions e che poi penseremo al campionato. Nel calcio purtroppo succedono anche queste cose, se non ci fossero errori le partite finirebbero zero a zero. Adesso, dopo le partite disputate, abbiamo un banco di prova importante e dobbiamo superare questo momento affinchè non diventi un problema mentale.

 

A Udine diceva che il gol, fatto praticamente da soli, era stato un errore mentalità di Szczęsny, oggi è stato tecnico: sta mancando un po' di serenita al portiere?

 

Allora non è mancanza di serenità. Ha fatto un errore tecnico e uno mentale, ma per ora ha finito, ha già dato.

 

Spesso capita che dopo un successo in Champions che la stagione abbia una svolta. Può accadere a voi?

 

Sicuramente la prima di Champions ci aiuta a ripartire bene. Con la voglia che abbiamo faremo una bella prestazione, anche oggi l'avevo chiesto ma purtroppo non avevo previsto questi errori di percorso.

 

Le altalene di Kean, che segna in nazionale, ma poi viene schierato e fa un pasticcio. Adesso lui come esce fuori da questa situazione?

 

Sono cose che capitano nel calcio. Nessuno può sapere come andrà a finire in una partita e in un campionato. Noi dobbiamo lavorare tecnicamente e pensare a quello che dovremo fare e non a quello che è successo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top