Benevento corsaro, primi 3 punti in trasferta.

Buona prova per i giallorossi che s’impongono ad Ascoli con una gara attenta portando a casa i primi tre punti in trasferta..

Insidiosa trasferta per il Benevento di Fabio Caserta impegnato, per la quarta giornata del campionato di Serie B, nella trasferta di Ascoli. Trasferta impegnativa soprattutto alla luce del buon stato di forma degli avversari a punteggio pieno dopo le prime tre giornate di campionato.

 

La partita

Mister Caserta opera qualche cambiamento nella formazione giallorossa dopo l’opaca prestazione casalinga contro il Lecce. Dentro dal primo minuto Sau, Acampora e Glik mentre solo panchina per Lapadula e  per il nuovo arrivato Viviani . Sottil, dal canto suo, come sempre, si affida alla forza fisica e all’esperienza di Dionisi per creare apprensioni alla difesa avversaria.

La prima occasione della partita è per il Benevento, complice un maldestro disimpegno dei padroni di casa, ma Acampora da buona posizione e totalmente libero in area spreca l’opportunità con un tiro sbilenco.

Lo scampato pericolo sveglia l’Ascoli che inizia a dare intensità alla manovra offensiva senza tuttavia creare pericoli seri alla porta di Paleari.

Il match si sblocca al minuto 14 con Sau abilissimo a concludere a rete una  perfetta apertura del laterale belga Foulon. Il gol cambia l’inerzia della partita con il Benevento che lentamente assume il dominio del campo creando buone trame di gioco e qualche apprensione di troppo alla difesa bianconera. Minuto 24 è raddoppio per le streghe ancora una volta è Foulon a dare un ottimo pallone al centro della difesa avversaria, al termine di una veloce e bella azione di ripartenza. Questa volta è Insigne a fare bis.

L’uno due giallorosso tramortisce i padroni di casa che solo nei minuti finali del tempo riprendono, anche se in maniera sterile, ad attaccare.

Inizia la ripresa e Sottil nel tentativo di ritornare in partita ridisegna la sua squadra con gli innesti di Collocolo al posto di Caligara e di Iliev che subentra a D’Orazio.  Ma nonostante i cambi bisogna aspettare il minuto 57 per il primo squillo dell’Ascoli con un tiro di Saric. Con il passare dei minuti cresce la pressione  dei padroni di casa ed iniziano ad arrivare le prime conclusioni pericolose con una certa continuità. Minuto 65 ed è il nazionale bulgaro Ilievad andare vicino al gol con un tiro finisce di poco al di sopra della traversa.

Tanta aggressività in campo che si traduce in una partita vibrante dal punto di vista fisico ma anche molto avara di bel gioco.

Continuano i cambi da entrambi le parti. Per l’Ascoli fanno ingresso in campo Maistro e Felicioli per il Benevento, dopo la sostituzione di Letizia con Elia, entrano in campo contemporaneamente Lapadula, Brignoli e Vokic.

E’ proprio Lapadula ad andare vicino al gol in una delle prime azioni personali tipiche dell’attaccante peruviano, furbo ad anticipare l’avversario e lesto a concludere con un buon tiro di pochissimo fuori dalla porta avversaria.

Il forcing dell’Ascoli si esaurisce man mano che si avvicina il triplice fischio finale mentre è ancora il Benevento a sciupare l’occasione del terzo gol con Tello che fallisce il più semplice dei gol a tu per tu con la porta avversaria.

 

Il commento

Al Benevento basta un buon primo tempo e una partita attenta nella ripresa per portare a casa 3 punti, per niente scontati, dalla delicata trasferta di Ascoli. Anche se è ancora presto per dire se tutti i problemi siano  stati risolti la vittoria è comunque di buon auspicio per il prossimo futuro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top