Dieci Opinioni

Dieci Opinioni Dopo... Napoli-Verona

Complicato parlare di quanto successo nell'ultima giornata di campionato. Il pareggio che sa di sconfitta contro il Verona ha condannato il Napoli: niente Champions il prossimo anno. Un fulmine a ciel sereno che costringe la società partenopea a ridimensionare le idee per il futuro. Senza indugiare troppo, analizziamo l'1-1 al Maradona con le nostre...


DIECI OPINIONI
1) Paura di vincere. Al Napoli manca la mentalità, quella di squadra vincente. Gli azzurri si sono fatti sopraffare dalla tensione. No, l'Hellas Verona non ha fatto una bella partita, al massimo una gara ordinata. Quell'Hellas si poteva battere tranquillamente! Il Napoli spreca malamente il vantaggio su Milan e Juve. Chapeau ai rossoneri che si riprendono la Champions dopo 7 anni andando a battere in casa sua una super Atalanta.
2) Gattuso. Col Verona è mancata anche la carica e la grinta del mister. Il tecnico di Corigliano Calabro esagera lasciando un finale horror al Napoli: 5 punte, un solo centrocampista, col rischio di subire un contropiede che poteva voler dire solo raddoppio gialloblù. Si può giustificare come una scelta dettata dal fatto di non aver più nulla da perdere, ma forse un canovaccio tattico da seguire avrebbe dato maggiori chances al Napoli.
3) ) La rivincita di Rrahmani. L'esordio del giovane difensore in maglia azzurra è stato un disastro: a Udine il suo retropassaggio favorì Lasagna per il pareggio. Poi, con l'infortunio di Koulibaly in questo finale di stagione, è arrivato il riscatto. In coppia con Manolas è stato un muro invalicabile e con il Verona è arrivato il gol a sottolineare la sua bella prestazione.
4) Fabián. Altra nota positiva nel triste epilogo di campionato è stata sicuramente il centrocampista spagnolo. L'ex Betis, dopo un periodo sottotono, è ritornato ai suoi livelli. Contro il Verona ha fermato numerose azioni a centrocampo favorendo la ripartenza azzurra. Come un vero gladiatore, ha combattuto su ogni pallone senza mai risparmiarsi. Sarà davvero difficile trattenerlo a Napoli!
5) Meret. C'è davvero poco da rimproverare al portiere azzurro. Fa quel che può in porta, anzi, esce bene più volte fermando azioni davvero pericolose. Eppure durante la stagione il classe '97 era venuto meno proprio in quello.
6) Il gol del Verona. A meno di dieci minuti dall'1-0 di Rrahmani, il Napoli si fa beffare da un lancio lungo che permette a Faraoni di andare in porta. Curioso è come questo gol sia così simile alla rete del pareggio del Cagliari. A riprova di un Napoli troppo ingenuo.
7) Il Verona di Juric. I ragazzi del tecnico croato si prendono 4 punti dal Napoli. Strepitosa la gara di andata al Bentegodi. Nella gara di ritorno il Verona fa semplicemente, come già detto, una partita ordinata sfruttando la poca lucidità degli azzurri.
8) La stagione azzurra. L'esclusione dalla Champions è clamorosa, soprattutto se si pensa alla grande rimonta fatta negli ultimi due mesi. Un Napoli a due facce in questo campionato: una squadra che sa essere pericolosissima, una vera macchina da gol, e un'altra timida, nervosa, che si sgretola e perde la propria identità. Un peccato, però, snobbare sempre questa Europa League che non dispiacerebbe per niente portare a casa...
9) Ricomincio da... 4. Non sarà facile trattenere i migliori, la mancata qualificazione in Champions obbliga ad un ridimensionamento. Eppure, anche se col Verona non hanno brillato, il Napoli sa che non può far a meno di Insigne, Zielinski e Lozano. Anche di Osimhen, che nel finale di stagione ha dimostrato che può davvero dare tanto. La società deve ricominciare da loro.
10) Capitolo allenatore. Le strade di Gattuso e del Napoli si dividono. Un peccato, a livello umano, anche se è giusto così. Nelle ultime ore si è fatta sempre più assordante la voce che vuole Sergio Conceiçao nuovo allenatore degli azzurri. L'ex centrocampista di Parma e Lazio vanta una lunga gavetta nel campionato francese e in quello portoghese, dove ha trionfato col Porto. Una nuova scommessa a sorpresa, di quelle che piacciono ad ADL. Scelta azzeccata? Ce lo dirà il campo (se sarà ufficiale), noi non vogliamo sbilanciarci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

l'articolo