Juve troppo forte

Il Napoli perde 2 a 0 a Vinovo ed è terz'ultimo in classifica.

La partita più difficile per il Napoli Femminile che alle 14:30,  a Vinovo affrontavano la Juventus.

Bianconere a punteggio pieno e galvanizzate dalla vittoria in settimana contro il Servette in Champions; azzurre che invece sono reduci dalla sconfitta immeritata contro il Milan. Pistolesi conferma il 3-5-2 e fa esordire dal primo minuto l’attaccante argentina Soledad, in coppia con la Deppy. Sara Tui davanti alla difesa e la Erzen sulla fascia dx.

Inizia il match e i primi 5 minuti sono da incubo per le azzurre che subiscono due reti: prima Caruso (dopo 30 secondi dal calcio di inizio) e dopo Cernoia. Partita in discesa per le bianconere. Il Napoli non si scompone, alza la pressione sulle portatrici di palla avversarie e comincia a rendersi pericoloso dalle parti di Aprile, cercando di sfruttare il talento della Soledad e della giovane trequartista Colombo, ma il risultato non cambia. Pistolesi prova a riaprire la partita passando a 4 in difesa e inserendo Acuti al posto di Corrado ma alla fine della prima frazione, le bianconere sono ancora sul 2 a 0.

Nella seconda frazione, il Napoli aumenta il peso offensivo inserendo la Popadinova al posto della Colombo ma il cambio non sortisce alcun effetto e le azzurre sprecano troppi passaggi non riuscendo quasi mai a mettere in difficoltà le padrone di casa. Al 70esimo, un episodio dubbio: Goldoni atterrata in area ma per l’arbitro è tutto regolare. Proteste della centrocampista azzurra e di Pistolesi che causa qualche parola di troppo, viene ammonito. Sale però in cattedra la centrocampista azzurra che dispensa assist per le sue compagne ma prima la Popadinova e poi Soledad, non riescono a riaprire il match. Due minuti di recupero ma nulla accade e la Juve fa 6 su 6 in campionato. 

Il gap tecnico – tattico era già un handicap per le partenopee che però hanno pagato lo scotto mentale dei primi 5 minuti di questa partita. Qualche rimpianto in più pensando alla buona prova della settimana scorsa contro il Milan, ma sia lo schieramento che la tenuta fisica di alcune giocatrici hanno tradito le azzurre. Ora inizia il vero campionato per il Napoli, e dopo la vittoria della Samp (3 a 0 all’Inter) e del Pomigliano (a Roma contro la Lazio), bisognerà lottare per la salvezza, il vero obiettivo stagionale per Pistolesi e le sue ragazze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top