Le pagelle di Genoa-Napoli e di un Inizio incoraggiante, 2 partite 6 punti.

Parte bene il Napoli con la seconda vittoria consecutiva questa volta in trasferta. Squadra già pronta per disputare un buon campionato.

Appuntamento al Marassi di Genova per la troupe di  Spalletti chiamata al bis dopo il vittorioso esordio casalingo contro il Venezia. Padroni di casa alla ricerca dei primi punti dopo l’opacissima prova di apertura contro i campioni d’Italia dell’Inter.

 

La pagella del Napoli

 

Meret 6: Continuano i significativi ed evidenti progressi per il giovane portiere azzurro.  Completamente a suoi agio nelle uscite e nelle impostazioni con i piedi. Risponde da campione sul pericolisissimo tiro di Ghiglione dando l’idea di essere pienamente all’altezza della situazione.

Di Lorenzo 5,5: Peccato che macchi una prestazione sostanzialmente sufficiente con un errore evitabilissimo in occasione del gol avversario. Complessivamente non demerita dando vita ad una prestazione ordinata anche se avara di spunti offensivi.  

Manolas 7: Gran bella prestazione per il greco della difesa azzurra. Preciso e determinato in tutti i frangenti della gara. Sarebbe un sicuro protagonista di questa stagione se riuscisse ad avere un pizzico di continuità in più su questi livelli.

Koulibaly 7: Si conferma senza sbavature ed indecisioni sugli standard abituali da vero leader del reparto arretrato. Sempre pronto a spezzare con decisione le trame offensive degli avversari. Praticamente perfetto.

Mario Rui 6: A un avvio timido oppone una prestazione in sostanziale crescita. Magico l’assist finale che consente il gol azzurro di Petagna  da calcio di punizione. Assist vincente che porta  3 punti alla causa azzurra. Dal 92’ J.Jesus S.V.

Fabian Ruiz 6,5: Ha ancora bisogno di minuti nelle gambe per crescere nell’intensità della prestazione. Si vede a sprazzi come accade spesso ma questa volta ha il grande merito di sbloccare la partita la partita con una perfetta conclusione di sinistro dalla distanza.

Lobotka 7: Una piacevole sorpresa di questo inizio si stagione. Attento, continuo e preciso a fare filtro davanti alla difesa. Un giocatore diverso e notevolmente migliorato dalla cura Spalletti.

Elmas 6,5: Cerca di sfruttare a dovere la chance di partire da titolare. La volontà non gli manca così come la volontà continua d’inserirsi tra le linee per creare grattacapi agli avversari. Il tanto dinamismo pur incidendo sulla lucidità non gli impedisce di fare bella figura nella serata del Marassi.

Politano 7: Buona prestazione per intensità e precisione sempre nel vivo della manovra azzurra. Alla lunga cala notevolmente ma è più che naturale ad inizio stagione. Dall’82’Petagna 7: A meno di 48 ore dalla fine del calciomercato nessuno è in grado di dire se quella vista ieri sia o meno la sua ultima apparizione in azzurro. La cosa che risalta in modo inequivocabile nella sua partita è il piglio con cui è entrato a farne parte che gli ha consentito di rendersi davvero determinante in una manciata di minuti.

Insigne 7: Nel ruolo prediletto o in qualsiasi altro inedito ruolo, come quello di ieri sera, il capitano non si sottrae dal compito di fornire alla squadra soluzioni di gioco di estrema qualità. La prestazione di ieri è un esempio di come la sua classe e i suoi mezzi tecnici siano un patrimonio irrinunciabile e spesso decisivo per le sorti azzurre.

Lozano 5,5: Il messicano che fa della velocità la sua arme principale per incidire sugli avversari e sulle partite non trova nella partita di Genova le condizioni migliori per sprigionarla. Condizione fisica non ottimale e tanti avversari a sbarrargli la strada finiscono per neutralizzarlo rendendolo davvero poco incisivo.

All. Napoli Spalletti 7: Si deve a lui un primo tempo quasi perfetto dal punto di vista tattico della squadra. Gli avversari, così, corrono tanto senza trovare mai la palla e senza mai creare nemmeno la più minima delle apprensioni alla difesa azzurra. Nel secondo tempo, quando le cose diventano più difficili, cerca di mantenere dalla panchina alta la concentrazione dei suoi pescando, poi, il jolly Petagna che gli fa vincere la partita.

 

 

 

La pagella del Genoa

Sirigu 6,5: Buona prestazione con interventi provvidenziali in tutta la sua partita. Incolpevole in entrambi le segnature avversarie.

Vanheusden 6: Trova sulla strada un Lozano non particolarmente in palla e questo gli semplifica notevolmente la gara. Prestazione attenta anche se con qualche durezza di troppo. Dal 67’ Masiello 5 si nota solo quando viene fisicamente sovrastato da Petagna in occasione del gol.

Biraschi 7: Una piacevole sorpresa, nel pacchetto arretrato genoano, la sua prestazione. Continuo, deciso ed energico sia quando si trattato  di rincorrere gli avversari sia quando ha cercato  fortuna in avanti con le sue sortite.

Criscito 5,5: Dovrebbe preoccuparsi di contenere Politano e nemmeno la sua lunghissima esperienza gli viene in soccorso dando vita ad una prestazione poco convincente sia in fase difensiva che di impostazione.

Ghiglione 7: Probabilmente il migliore dei rossoblù. Tanta corsa e tanto dinamismo in tutte le parti del campo. Non si risparmia per l’intero arco della gara fornendo pure l’assist decisivo per il momentaneo pareggio di Cambiaso.

Rovella 6: Qualche errore di troppo ma anche tantissima volontà di rendersi utile alla manovra della sua squadra.

Badelj 6,5: Cresce con il passare dei minuti prendendosi la regia dell’ottima ripresa genoana dopo un primo tempo passato a vivacchiare in maniera del tutto anonima.

Sturaro 5,5 Come il resto della squadra appare in evidente difficoltà nei primi 45 minuti finendo tuttavia per venire fuori, con maggiore brio e determinazione, nel corso della ripresa. Il suo apporto si sente in maniera evidente quando la squadra decide finalmente di impensierire gli avversari. Dal 67’ Kallon 5: tanto movimento ma pochissima incisività.

Cambiaso 7: Il prodotto del vivaio genovese completa la sua favola personale realizzando il primo gol in Serie A in una prestazione nella quale non gli si può rimproverare davvero nulla né per capacità né per volontà.

Hernani 5: Chiamato ad incidere tra le linee dovrebbe creare qualche fastidio in più alla squadra avversaria ma la cosa non gli riesce. Prestazione decisamente incolore. Dal 46’ Pandev 6,5: E’ l’uomo a cui affidarsi quando si cerca di cambiare il volto alla squadra e lui non viene meno, nemmeno nella partita di ieri, a questa specifica missione. Tante buone giocate e un gol annullato per il macedone.

Ekuban 5: Nonostante la volontà mostra in pieno tutti i suoi limiti tecnici sbagliando  tantissimi appoggi e tantissime gestioni del pallone. Probabilmente con l’ingresso in squadra degli ultimi arrivati conoscerà tantissima panchina. Dal 46’Buksa Combina poco sfruttando al minimo la migliore ripresa della sua squadra per mettersi in mostra.

All. Genoa Ballardini 6: Dopo l’imbarazzante partita d’esordio era necessario trovare qualche spunto incoraggiante su cui lavorare con un pizzico di ottimismo in più. Almeno sotto questo aspetto non si può dire, nonostante la sconfitta, che la partita di ieri sia stata del tutto infruttuosa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top