Politano-Koulibaly, una rimonta da… incorniciare!

Gli azzurri ribaltano la partita con le reti di Politano e Koulibaly portano a casa i 3 punti. Non è un Napoli perfetto, ma sicuramente un Napoli più affamato che si gode il punteggio pieno in classifica.

La partitissima tra Napoli e Juventus si conclude 2-1 per gli azzurri. Dopo dieci minuti, segna Morata che approfitta dell’errore di Manolas. I partenopei ribaltano la gara nel secondo tempo con le reti di Politano e Koulibaly, entrambe favorite dalle incertezze della difesa bianconera.

LA PARTITA

La ripresa dopo la sosta presenta un Napoli-Juve ricco di intoppi. Tante le tegole per Max Allegri che per gli impegni nelle varie nazionali e gli infortuni ha dovuto rinunciare a Bentancur, Dybala, Chiesa, Alex Sandro e Cuadrado. Spalletti ha recuperato Osimhen grazie alla riduzione della squalifica. È una partita speciale non solo per la storica rivalità già nota, ma anche per le 400 gare in azzurro di Insigne e l’esordio di Anguissa, che va a sostituire l’infortunato Lobotka.

Il Napoli fa la voce grossa dopo soli 20 secondi. Politano prova di testa su cross di Insigne, il tiro finisce di pochissimo alto. I primi cinque minuti sono tutti azzurri. Al 10’ Manolas si fa fregare da Morata. Lo spagnolo gli ruba palla da dietro, avanza e a tu per tu con Ospina la mette dentro: è 1-0 per i bianconeri. Il Napoli prova a reagire con i guizzi di Insigne e Osimhen. Il nigeriano attacca la profondità, ma senza fortuna. La Juve risponde con Bernardeschi che tira dalla distanza. Tiro centrale, comodo per Ospina. Ancora brivido Napoli con Kulusevski e Morata. L’ex Parma verticalizza per il 9 che tira sul portiere sudamericano. Ci riprova sulla ribattuta, ma il piede è debole. Tutto fermo, però, c’è fuorigioco. Gli azzurri attaccano insistentemente l’area bianconera, la Juventus riparte in contropiede. Al 43’ Kulusevski ha la possibilità di raddoppiare solo davanti ad Ospina che interviene in scivolata. Sulla fine del recupero, Koulibaly tira dalla distanza, Szczesny interviene senza fatica. Il Napoli torna negli spogliatoi sotto di un gol.

Nella ripresa il Napoli cerca di affondare anche se con qualche incertezza. Insigne tira a giro, Szczesny fa un pasticcio su cui Politano si fa trovare pronto per ribattere in rete: 1-1 al 56’. La Juve risponde con Mckennie che tira dalla distanza. La palla finisce di poco a lato. Al 63’ bella azione corale degli azzurri: Osimhen avanza, serve Insigne che in mezzo a due passa a Mario Rui che prova a tirare di prima, ma sbaglia completamente la mira. Inizia l’assedio Napoli che attacca a tutto campo, qualche lampo juventino con Kulusevski. Provano i tiri a giro Osimhen prima e Lozano poi dalla stessa mattonella e senza successo. Al 85’ calcio d’angolo: dalla bandierina va Zielinski, Kean colpisce di testa, Szczesny ribatte e Koulibaly la spinge dentro per il sorpasso azzurro. Negli ultimi minuti la Juventus prova a spingere senza però impensierire molto la retroguardia azzurra.

IL COMMENTO

Il Napoli piega la Vecchia Signora. L’avvio non è dei migliori, Manolas regala il gol a Morata e una prestazione incerta. Gioca male anche Mario Rui che favorisce più volte il contropiede di Kulusevski, il migliore dei suoi. Nel secondo tempo non è un Napoli forte o perfetto, ma sicuramente più affamato e determinato nel portare a casa i 3 punti. Se vogliamo essere più pignoli, qualcosa è sicuramente da rivedere nella prestazione dei singoli. Anguissa piacevole sorpresa. Per ora, il Napoli si gode il punteggio pieno dopo 3 giornate, +8 sulla Juventus e un primo scontro diretto a favore. Meglio di così…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top