Roma-Napoli: che battaglia! Ma non si va oltre lo 0-0

Determinazione, lotta e sacrificio non sono mancati nel big match tra Roma e Napoli. La gara termina, però, a reti bianche

Termina 0-0 all’Olimpico di Roma il primo big match di questa nona giornata di Serie A. Al termine di 90 minuti di lotta, corsa e sacrificio; Roma-Napoli termina a reti bianche ma le emozioni non sono di certo mancate.

Mourinho decide di mandare in tribuna gli artefici della sconfitta infrasettimanale per 6-1 contro il Bodo/Glimt e schiera in campo i titolarissimi: Rui Patricio tra i pali; Karsdorp, Mancini, Ibanez e Vina a difesa. Mediana composta dal duo Veretout-Cristante ed il tridente Zaniolo-Pellegrini-Mkhitaryan, dietro la punta Abraham.

Spalletti fa altrettanto e ritorna, dunque, in porta Ospina. Difesa a 4 con Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly e Mario Rui. Centrocampo a 3 formato da Anguissa, Fabian Ruiz e Zielinski. In attacco Politano, Osimhen ed Insigne.

Nel primo tempo non ci sono state particolari occasioni per il Napoli; solo un tiro nello specchio per i partenopei, a carico di Insigne, che non ha preoccupato Rui Patricio. L’occasione più ghiotta però, arriva a Tammy Abraham che spedisce la palla fuori da posizione favorevole.

Nella seconda frazione di gioco, aumenta l’intensità per entrambe le compagini. Osimhen sfiora il gol dello 0-1 con un filtrante di Ruiz che serve alla perfezione Politano. La palla, alla fine, sbatte sul palo dopo una serie di rimpalli con Ibanez e Mancini. Poco più tardi arriva un’altra occasione ghiotta per la Roma con Mancini che non riesce ad indirizzare bene il pallone da posizione molto invitante. Tuttavia, l’unico tiro nello specchio da parte dei giallorosso arriva da parte di Mkhitaryan, che non impensierisce più di tanto Ospina. Entrano anche El Shaarawy e Shomurodov per la Roma ed Elmas, Lozano e Mertens per gli azzurri ma il risultato resta comunque invariato.

La gara termina con molto nervosismo, diversi ammoniti e soprattutto con le espulsioni dei 2 coach, Mourinho e Spalletti.

Il Napoli si conferma primo in classifica, a pari punti con il Milan. La Roma guadagna un punto prezioso e si porta a 16 punti, riconquistando il quarto posto. I partenopei si confermano la miglior difesa (solo 3 gol subiti in 9 gare) e terzo miglior attacco dopo Inter e Milan. Capitolini che restano con 16 gol segnati (rispetto ai 19 del Napoli) e 9 subiti (seconda miglior difesa del campionato insieme al Milan).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top