Spalletti, post Genoa-Napoli: "Genoa molto combattivo: tre punti importanti"

Dopo un po' di sofferenza, il Napoli di Spalletti è riuscito a strappare la vittoria a Marassi, contro una squadra che, come da previsioni, si è data un taglio diverso in campo.

Genoa - Napoli si conclude per 2-1 a favore dei partenopei. Entrambe le squadre hanno confermato le premesse prepartita: il Genoa ha dimostrato aggressività e compattezza, caratteristiche fortemente richieste da Ballardini, e ha dato filo da torcere ai giocatori di Spalletti, che però, hanno confermato le loro qualità di squadra capace di reagire sotto sforzo in situazioni di svantaggio.

 

Questa le parole di Spalletti in conferenza stampa post-partita:

 

Dopo aver sofferto un po' il Napoli, alla fine è riuscito a vincere la partita.

 

Noi abbiamo incontrato un Genoa combattivo: sono stati aggressivi e ci hanno tolto un po' di spazio. Sotto questo aspetto dobbiamo fare un passo in avanti, perchè abbiamo altre caratteristiche ed altre qualità. Bello avere progetti, intuizioni e qualità, ma bisogna effettivamente concretizzare le proprie idee: dentro la partita ci sono momenti che non fanno parte solo del gioco, ma della lotta, della disponibilità. Ecco, sotto questo aspetto, nonostante molte cose positive che ho visto, dobbiamo fare uno sforzo in poiù.

 

La partita di Insigne è stata di grande sacrificio. Si tratta di un giocatore duttile e la sua posizione sulla sinistra è nota, anche se se si è adattato molto bene anche sul falso nove, giusto?

 

Prima di decidere la strategia ne abbiamo parlato e lui è convinto e contento di giocare su quella parte del campo con molta disponibilità. Quando a partita in corso, dopo aver faticato un po', gli ho chiesto di ritornare a sinistra, lui ha accettato ed è andato a riprendere quella palla in scivolata dopo una rincorsa di settanta metri: lui è condannato dalla fascia di capitano a dare il buon esempio, soprattutto in difesa: la fascia dà grandi soddisfazioni, ma anche molte responsabilità.

 

Anche Petagna, in silenenzio e nonostante sia stato schierato negli ultimi minuti, alla fine è risultato decisivo. Questo gol gli ha regalato la permanenza? Come si sta comportando, considerando che sta trovando poco spazio?

 

Allora, sotto l'aspetto della persona, non ci sono dubbi. Io l'ho incrociato negli spogliatoi e gli ho detto che, nonostante le chiacchiere di mercato, se avessi avuto bisogno di lui, l'avrei chiamato in campo. Naturalmente, lui dà importanza alle notizie di mercato, anche perchè quando si legge che la squadra ha intenzione di voler alleggerire gli stipendi e di inserire alcuni giocatori sul mercato, è una cosa normale; soprattutto quando le prime due partite di campionato si giocano con il mercato aperto: Poi, però, c'è il professionista che mette tutto in ordine facilmente, se è di quelli che ha un valore calcistico vero. Come ho detto oggi, non è detto che un calciatore di successo abbia questo valore; qui, invece ce ne sono molti che hanno successo, ma anche un valore.

 

E' vero che siamo solo alla seconda partita ed è difficile fare prevsioni, ma questi tre punti di oggi che valore hanno, conquistati senza Osimhen e contro una squadra che si è presentata con un atteggiamento diverso rispetto a Milano?

 

Ha un valore importante, proprio perchè siamo all'inizio e c'è da far credere che quanto diciamo è corretto e il risultato sul campo deve essere la conferma: se c'è la spinta del risultato diventa tutto più facile, senza diventa difficle credere a ciò che si dice. Oggi abbiamo incontrato un Genoa combattivo, che ha fatto una grande partita; ne ho parlato con Criscito, mio ex giocatore allo Zenit, e lui era molto contento dell'atteggiamento dei compagni: quando una squadra lotta forte, si è visto che sempre difficile portare a casa punti. Noi, poi, abbiamo bisogno di recuperare anche qualche giocatore, a causa di qualche infonrtunio e altri sono fuori.

 

Nonostante questo, credo che la completezza della rosa, al di là del gol di Petagna, sia stata veramente il valore aggiunto. Su che cosa questo Napoli non dovrebbe essere assolutamente toccato?

 

I calciatori offensivi sono quelli che fanno la differenza, perchè quando devi rimettere a posto le partite e vincerle ci vogliono giocatori con determinate qualitià: giocatori che inventano, che hanno la qualità nei piedi, che hanno la tecnica. 

 

La prossima partita sarà Napoli-Juventus, lei si immaginava di arrivare a questo punto con un +5 in classifica? Che valore hanno questi cinque punti in più?

 

No, non me l'aspettavo; ma questi cinque punti non hanno nessun valore, perchè siamo talmente agli inizi che c'è tempo e spazio per ribaltare la situazione: può succedere di tutto.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top