Spalletti, post Inter-Napoli: “Buon secondo tempo. Loro forti e precisi.”

Il Napoli perde a Milano contro una grande Inter, sfiorando il pareggio nel finale. Spalletti ha parlato in conferenza stampa del match, analizzando l’atteggiamento della squadra e gli errori commessi.

Il Napoli perde il primo scontro scudetto per 3 a 2 contro una grande Inter. È stata una partita altalenante, ma che nel bilancio totale ha risentito più di elementi negativi che positivi. 

Ecco le parole di Spalletti in conferenza stampa:

È soddisfatto dell’atteggiamento assunto dalla squadra durante la partita?

Il primo tempo mi ha deluso, mentre secondo mi è piaciuto si più. Nella seconda parte della gara abbiamo avuto più momenti per esprimere il nostro gioco e maggiore qualità.

 

Secondo lei il risultato finale è giusto?

Non mi interessa. Mi interessa la crescita della squadra. È stata una partita di un buon livello. Loro sono una grande squadra, con calciatori forti e precisi, che quando hanno palla loro ti costringono ad adattarti al loro gioco.

 

Cosa non l’ha convinta e cosa non l’è piaciuto?

Mi è piaciuto quello che abbiamo fatto nel secondo tempo e in alcuni momenti anche ciò che abbiamo fatto nel primo tempo. Mi è piaciuto l’atteggiamento a viso aperto con cui abbiamo giocato contro una grande come l’Inter.

 

Nel finale, dopo tre gol subiti, ci sarebbe potuto essere il gol del pareggio. Quello che si è visto è un calcio più “italiano”, cioè meno spettacolare e meno “europeo”?

Sono d’accordo. Con le squadre di bassa classifica ci sono partite diverse, mentre è in queste partite che si esalta il tipo di gioco “italiano”.

 

Ieri era curioso di sapere come sarebbe stato l’impatto con San Siro, alla fine stasera che ha provato?

Io mi emoziono sempre e facilmente, anche se poi non mi lascio condizionare da quanto mi succede.

 

Adesso è una corsa a tre, oppure potrebbe anche inserirsi qualcun altro?

Io penso alla corsa alla prossima partita. È sempre la qualità che mettiamo giorno dopo giorno che ci dirà se vinceremo alla fine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Top