Cucina Tradizionale

Corriere del Mattino

Addio al grandissimo Maestro Ennio Morricone

di Antonietta Sorece 06/07/2020 12:18

CORRELATI

...

...

....

La vita di tutti noi, a mio avviso, è fatta di musica e di colonne sonore nello specifico. Grazie a mezzi potenti come il cinema e la televisione siamo abituati ad associare una particolare musica ai momenti significativi, nel bene e nel male, della nostra vita.

Una libera associazione di suoni e immagini che il nostro cervello mette in essere attingendo a ricordi, sensazioni, emozioni. Per le generazioni moderne la maggior parte di indimenticabili colonne sonore che accompagnano la nostra vita le dobbiamo al genio creativo di un compositore irripetibile che ci ha lasciato alle prime ore di questo triste lunedì 6 luglio 2020, Ennio Morricone.

Per scrivere della scomparsa del Maestro mi sono presa del tempo per leggere della sua vita e della sua carriera per avere un quadro completo di un personaggio unico.

Il diploma in tromba al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma è stato l’inizio di un impegno appassionato e devoto per la musica che nella sua lunga carriera ha composto, scritto e arrangiato. Costanza, dedizione, coerenza, serietà, queste le parole chiave che lo hanno contraddistinto e lo hanno reso il più grande compositore e musicista della nostra epoca.

Le grandi pellicole americane e italiane che sono ormai degli evergreen per ogni generazione portano il marchio Morricone e fin dalla prima nota fanno nascere negli spettatori emozioni indescrivibili. Per un pugno di dollari, il Buono, il brutto e il cattivo, C’era una volta il west, C’era una volta in America, Gli intoccabili, Metti, una sera a cena, Nuovo cinema paradiso, Malena e tantissimi altri.

Morricone ha vinto due Oscar: il primo alla carriera nel 2006 e il secondo nel 2016 per la colonna sonora di The Hatefull Eight di Tarantino. Ha vinto anche tre Grammy Awards, quattro Golden Globes, sei BAFTA, dieci David di Donatello, undici Nastri d'argento, due European Film Awards, un Leone d'Oro alla carriera e un Polar Music Prize e ha venduto inoltre più di 70 milioni di dischi, ha composto per più di 500 titoli. Una carriera senza eguali!

Mentre scrivo queste righe sto ascoltando una play list del Maestro e ad ogni bravo rifletto, mi emoziono e mi rendo conto che gran parte di musica classica moderna che conosco è opera Sua. Numerosissimi momenti della mia vita, come quella di molti di voi immagino, sono stati accompagnati da questi brani.

I funerali di Ennio Morricone si terranno in forma privata «nel rispetto del sentimento di umiltà che ha sempre ispirato gli atti della sua esistenza» ha fatto sapere il legale della famiglia. Ennio Morricone ci lascia all'età di 91 anni, circondato dall’amore dei suoi familiare, a seguito di una caduta in casa.

Ennio Morricone aveva scritto di suo pugno il necrologio per l sua morte e l'avvocato di famiglia lo ha mostrato meno di un'ora fa alla stampa:

Io Ennio Morricone sono morto. Lo annuncio così a tutti gli amici che mi sono stati sempre vicino ed anche a quelli un po' lontani che saluto con grande affetto. Impossibile nominarli tutti. Ma un ricordo particolare è per Peppuccio e Roberta, amici fraterni molto presenti in questi ultimi anni della nostra vita. C'è solo una ragione che mi spinge a salutare tutti così e ad avere un funerale in forma privata: non voglio disturbare. Saluto con tanto affetto Ines, Laura, Sara, Enzo e Norbert per aver condiviso con me e la mia famiglia gran parte della mia vita. Voglio ricordare con amore le mie sorelle Adriana, Maria e Franca e i loro cari e far sapere loro quanto gli ho voluto bene. Un saluto pieno intenso e profondo ai miei figli, Marco, Alessandra, Andrea e Giovanni, mia nuora Monica, e ai miei nipoti Francesca, Valentina, Francesco e Luca. Spero che comprendano quanto li ho amati. Per ultima Maria (ma non ultima). A Lei rinnovo l'amore straordinario che ci ha tenuto insieme e che mi dispiace abbandonare. A Lei il più doloroso addio

Un pensiero triste e carico di amore per la sua amata Maria, alla quale aveva dedicato il primo Oscar, ai figli, i familiari e gli amici più stretti. Il desiderio di un funerale semplice, tra familiari, 'per non disturbare'. Un persona unica e lo ha dimostrato fino alla fine.

Una perdita indescrivibile per tutti noi. Un risveglio triste in un anno che sta diventando davvero difficile.

Buon viaggio Maestro.