La Lettura del Sabato

Corriere del Mattino

Un passato scomodo, ricordi da archiviare, una casa da svuotare. Casa rossa di Francesca Marciano

di Antonietta Sorece 18/07/2020 19:00

CORRELATI

...

...

....

Sabato, giorno della nostra rubrica La lettura del Sabato e il libro di oggi l’ho scelto dopo un pomeriggio in giro per negozi. Qualche giorno fa ero in giro per la mia città e ho deciso di fare un salto in un mercatino dell’usato che ha sempre qualcosa di interessante. Mi sono attardata nella sezione libri e con mio grande piacere ho trovato un libro che ho comprato e letto tanti anni fa e che ricordavo con piacere. Tornata a casa ho ripreso in mano quel libro, una vecchia edizione economica comprata su di una bancarella durante una festa di paese estiva, che ho letto con interesse durante le giornate oziose che solo l’estate dei un’adolescente può offrire.

Casa Rossa di Francesca Marciano è un libro pubblicato nel 2003 e che potrebbe ricordare lontanamente la Casa degli spiriti della Allende. Il libro racconta la storia della famiglia Strada e in particolare la storia delle quattro donne di questa famiglia, tre generazioni spalmate su di un secolo attraversando momenti importanti e cruciali per il nostro Paese, l’Italia.

Casa Rossa è un vecchio casale nelle campagne pugliesi che conserva i ricordi di questa famiglia: nonna Renée, di origini tunisine, bellissima e che poco c’entrava con le dinamiche di paese degli anni Trenta; Alba, sua figlia, che ha sempre desiderato, voluto e ottenuto di vivere liberamente, sperimentare, viaggiare e non sentirsi limitata o costretta in schemi e confini, anche se con due figlie da crescere. Isabella, una delle figlie di Alba che con convinzione e crudeltà ha seguito i propri ideali e infine Alina, la voce narrante del romanzo.

Alina si ritrova a dover svuotare Casa Rossa per consegnarla ai nuovi acquirenti e nel farlo ha l’occasione di rivivere la storia di quella casa e di quella famiglia, la sua.

La storia di una famiglia fatta di donne che con le loro personalità e scelte ci raccontano dell’Italia durante la guerra, del miracolo economico, degli anni di piombo e delle stragi terroristiche. Ma anche di amori, sofferenze, tradimenti, rinunce.

Un libro che ho letto con grande interesse anche se si presenta molto prolisso nelle descrizioni minuziose. Sono un’appassionata di storia e ho trovato interessante approfondire determinati momenti storici attraverso le ‘avventure’ delle protagoniste. Gli anni più liberali per le generazioni degli anni 70/80 nella Parigi dei quel tempo, il terrorismo degli anni di piombo in Italia ma anche e soprattutto la vicende private che hanno investito questa famiglia, l’amore, la sofferenza, i tradimenti e il difficile rapporto tra sorelle.

Una lettura vintage ma che ho ripreso in mano con piacere e che vi consiglio!!!