CORRIERE DELLA CAMPANIA Magazine Tour in Campania

A spasso per la Campania tra storia e sapori!

Preparate scarpe comode e zaino in spalla perché stiamo per partire alla scoperta della nostra amata regione! Ogni settimana vi porteremo con noi in un super tour tra le ricchezza della nostra terra attraverso la storia, le tradizioni, i prodotti tipici e le attrazioni culturali che rendono unici i nostri paesi!

Una sorta di vademecum che ci permetterà di conoscere, o anche riscoprire, e visitare le bellissime località che caratterizzano il territorio campano.

Pronti, partenza   VIAAA

Per questa nuova tappa del nostro tour in Campania ci spostiamo in un piccolo borgo che in realtà è una frazione di una città più grande ma che merita un capitolo a sé.

Casertavecchia, frazione della città di Caserta, è un piccolo borgo medievale bellissimo in cui si respira storia e tradizione che si trova a 400 metri sul livello del mare e a 10 km dal capoluogo di provincia.

Il borgo , arroccato su di una collina, domina la valle sottostante e offre vedute panoramiche senza eguali. In origine consisteva nell’insediamento originale della città di Caserta che però in seguito venne abbandonato per spostare il centro abitato più a valle con la costruzione della Reggia.

Il nome probabilmente deriva dall’antico nucleo urbano Casa Hirta e sicuramente è di origine longobarda. Passata dalla dominazione longobarda a quella normanna Casertavecchia conobbe il suo momento di massimo splendore con la costruzione della cattedrale conservata ancora oggi e dedicata a San Michele Arcangelo. Il borgo era città vescovile, con annesso seminario, ed era un centro di grande importanza. I normanni vennero sostituiti dagli svevi e poi dagli aragonesi con i quali iniziò il periodo di decadenza del borgo. Con l’avvento dei Borboni e la costruzione della Reggia di Caserta il borgo di Casertavecchia venne completamente abbandonato e anche la sede vescovile venne definitivamente spostata nella nuova città a valle.

Nel 1960 Casertavecchia è stata inserita nella lista dei monumenti nazionali italiani.

Il borgo di Casertavecchia conserva la sua antica fisionomia caratterizzata da vicoletti in pietra e monumenti. Il duomo di origine medievale, il campanile e i resti del castello rendono il piccolo centro una perla che merita di essere visitata. Con i suoi tanti locali Casertavecchia è diventata anche meta per la movida del week end.

Il presepe vivente il 6 gennaio, la Passio Cristi che narra le vicende della vita di Gesù tra i vicoli di Casertavecchia, settembre al borgo che da 39 anni rende i vicoli del borgo un teatro a cielo aperto con artisti di fama internazionale sono solo alcune delle tante manifestazioni che rendono unico questo piccolo angolo di paradiso.

Una tappa obbligata, insomma, per conoscere le piccole e grandi ricchezze che custodisce al nostra amata regione!

Appuntamento alla prossima settimana con un nuovo sorprendente viaggio alla scoperta della nostra amata Campania!

 

********

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Corriere della Campania senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. Per coprire i costi del Corriere della Campania e pagare tutti i collaboratori e per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana. Grazie

PIÙ APPROFONDIMENTI
commentA

Leave a reply

Message *

Name *

Email *