Addio alla regina del rosa Rosamunde Pilcher

All’età di 94 anni si è spenta, mercoledì 6 febbraio scorso nella sua casa di Dundee in Scozia la scrittrice inglese Rosamunde Pilcher.

La Pilcher era nata nel 1924 in Cornovaglia e fin da piccola aveva manifestato la sua passione per la scrittura. Sposerà l’eroe di guerra e poi imprenditore Graham Hope Pilcher dal quale prenderà il cognome che la farà conoscere in tutto il mondo. Negli anni ’40 inizierà a pubblicare le sue opere con lo pseudonimo di Jane Fraiser ed è nel 1955 che pubblicherà il primo romanzo con il suo vero nome.

Rosamunde Pilcher ha dato vita ad un nuovo genere sentimentale-familiare costellato da storie d’amore ostacolate e da misteri e intrighi familiari celati in grandi case negli ameni e rigogliosi paesaggi della Cornovaglia perché la Pilcher ,trasferitasi in Scozia,  non ha mai dimenticato la sua terra natia e vi  ha sempre ambientato le sue storie.

Il grande successo arriva con il romanzo I cercatori di conchiglie pubblicato nel 1987 con cui ha venduto 10 milioni di copie e dal quale sono stati tratti uno sceneggiato televisivo e un film interpretato da Vanessa Redgrave: il libro era rimasto per 49 settimane nella lista dei bestseller del «New York Times».

Mai apprezzata dalla critica la Pilcher con all’attivo 28 romanzi e circa 60 milioni di copie vendute ha fatto breccia nel cuore del grande pubblico dando vita ad un seguito senza eguali. La maggioranza delle sue opere è divenuta film o anche serie televisive distribuiti in diversi stati.

Ritiratasi dalle scene nel 2000con la pubblicazione del suo ultimo romanzo Solstizio d’inverno è stata insignita dalla regina Elisabetta II, nel 2002, del riconoscimento di «Obe», Officer of the Order of British Empire.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Corriere della Campania senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. Per coprire i costi del Corriere della Campania e pagare tutti i collaboratori e per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana. A breve potrai fare la tua donazione. Grazie

commentA

Leave a reply

Message *

Name *

Email *

advertisement
advertisement