COM

3 a 3 pirotecnico tra Napoli e Empoli

In svantaggio di due reti, le azzurre ribaltano il risultato per poi subire il pareggio nel finale.

Fonte Immagine: Napoli Femminile - official page facebook

Dopo la convincente vittoria contro la Fiorentina di una settimana fa, le ragazze di Pistolesi cercano il bis in casa contro l’Empoli. Ex della gara, il tecnico azzurro che per 90 minuti cercherà di mettere da parte i ricordi per puntare ad una salvezza che fino a qualche mese, sembrava un miraggio. Confermate le protagoniste del turno precedente: Goldoni a centrocampo, Nocchi come terminale offensivo del 4-3-3, supportata da Hjohlman e Cafferata.

 

13 minuti e subito spettacolo allo stadio Caduti di Brema. Comincia la Huchet che su filtrante della Nocchi, si divora il goal del vantaggio azzurro (4’minuto); poi 1-2 micidiale delle ospiti le quali prima si portano in vantaggio con la Prugna (perfetto l’inserimento in area azzurra) e subito dopo raddoppiano con la Glionna dagli sviluppi di calcio di punizione.

L’Empoli palleggia, crea pericoli e cerca di chiudere il match ma il Napoli prende coraggio aggredendo le palleggiatrici toscane e nel giro di una manciata di minuti, pareggia il risultato. Protagonista della rimonta è la Cafferata. L’esterno azzurro dapprima beffa l’estremo portiere toscano con un bel lob dal limite dell’area e poi si procura il rigore (per fallo di Acuti) che la Huchet realizza. Nel finale, sale in cattedra la Tasselli, autrice di due splendide parate che mantengono in parità il match.

Seconda frazione e il Napoli entra in campo con un piglio diverso, grazie anche al cambio tattico di Pistolesi che schiera le sue con un 3-5-2. L’Empoli accusa la stanchezza e rinuncia alla costruzione dal basso, vista anche la pressione (e la superiorità a centrocampo) delle partenopee e al 70esimo primo soprasso (della partita) azzurro che perfezionano la rimonta con la Huchet che al volo da fuori area (di sinistro) manda in visibilio lo stadio di Barra. Spugna non ci sta e si schiera a specchio con le partenopee inserendo però due esterni offensivi per sfruttare la stanchezza di quelle partenopee e all’85esimo, la Cinotti segna il 3 a 3 dopo un’azione confusionaria in area azzurra.

Buona prestazione delle azzurre che hanno ormai appreso alla perfezione il credo tattico del proprio allenatore. Qualche rammarico per il risultato finale ma non è da tutti giocare a viso aperto (e a tratti, con la stessa intensità) contro una squadra composta da giocatrici nel giro della Nazionale. Napoli che con questo risultato aggancia la San Marino Academy, sconfitta ieri in casa dalla Roma.


Enrico Russo

area calcio

Enrico Russo, nato a Napoli nel lontano 1991, ma in viaggio per lavoro da anni. Laureato in Lingue e comunicazione, specializzato in inglese e francese. Amante di sport (calcio e pallacanestro in primis) e tifoso del Napoli. Adora scrivere e raccontare quello che accade nel mondo.

View all posts

Commenta