Quotidiano Sportivo

NB.

Supplemento online del Corriere della Campania

Azzurri spreconi nella sconfitta del Meazza


Caldo, afa e stanchezza di questo intensissimo finale di stagione non impediscono a Napoli e Inter, nella serata del Meazza, di dar vita a un match piacevole e ricco di interessanti giocate da entrambi le parti. L’intensità e la condizione fisica mostrate dalle due squadre durante l’intero arco della partita lasciano sicuramente ben sperare per l’immediato futuro nelle rispettive competizioni europee.

Partono decisamente meglio i padroni di casa che  grazie a qualche stimolo in più dal punto di vista motivazionale provano a fare la partita.Gli azzurri, dal canto loro, partono timidi e  guardinghi preferendo operare di rimessa.

Al minuto 11 Inter in gol con D’Ambrosio su assist di Biraghi bravo a raccogliere un cross fuori misura di Candrevae a servire il compagno in una posizione da cui è davvero difficile sbagliare soprattutto se lasciato libero.

Il gol cambia l’inerzia della partita e gli azzurri prendono decisamente in mano il pallino del gioco. Gli uomini di Gattuso  macinano gioco e con il passare dei minuti diventano sempre più pericolosi dalle parti di Handanovic.

Al minuto 20 Insigne per poco non beffa il portiere avversario deviando un tiro dal limite di Zielinski.

Cinque minuti dopo è sempre la mezzala polacca a provare il tiro dalla distanza che chiama alla respinta di pugno Handanovic. Al minuto 31 è la volta di Politano, ex di turno,a chiamare il portiere nerazzurro al miracolo per evitare il pareggio.

Gli azzurri continuano a premere e a collezionare azioni gol mentre l’Inter continua a correre a vuoto. Insigne prima, Elmas poi, creano più di qualche apprensione alla retroguardia avversaria. Il tempo si chiude con una grande occasione per il raddoppio interista in contropiede con Brozovic. Questa volta è bravo Meret a neutralizzare la minaccia.

Inizia la ripresa con gli azzurri ancora in costante proiezione offensiva. Tuttavia questa volta gli  non riescono a tradurre in azioni pericolose l’intensa  mole di gioco prodotta nella trequarti avversaria. Unica cosa da menzionare è un buon tiro di Elmas di poco fuori.

Al minuto 74  sarà invece  l’Inter a realizzare il doppio vantaggio con un bellissimo gol di Lautaro Martinez subentrato dalla panchina a Sanchez. Nonostante l’impegno gli azzurri resteranno sterili fino alla conclusione della gara rischiando addirittura di subire la beffa del terzo gol in una delle frequenti ripartenze interiste.

Finisce così  la partita e mentre all’Inter va il 2 a 0 e i 3 punti che significano secondo posto in classifica  agli azzurri rimane oltre l’impegno una prestazione discreta e la consapevolezza di dover ancora migliorare qualcosa in vista del match di Champions con il Barcellona.

 

Ronald Abbamonte

area calcio

Nato negli Stati Uniti, ma italiano da sempre, svolge attività di consulente nel settore energetico dopo una lunghissima esperienza nel settore commerciale. Negli ultimi anni ha deciso di riservare più spazio a quella che è stata da sempre una fedele e costante compagna di vita: la scrittura. Gli studi di stampo umanistico e la curiosità per tutto ciò che circonda la vita dell’uomo lo spingono a scrivere su tematiche diverse tra loro ma con lo spirito attento di chi guarda le cose per la prima volta.

View all posts

Commenta