COM

Serie A: Pari in Napoli-Inter. Storica Atalanta, 3 punti pesantissimi sulla Juventus!

Al Maradona segnano prima gli azzurri con l’autorete di Handanovic e poi Eriksen trova il pareggio. Importante vittoria dell’Atalanta sulla Juventus. La Lazio batte il Benevento e resta sempre sulla scia Champions.

Fonte Immagine: Atalanta Bergamasca Calcio

Emblema di questa trentunesima giornata di Serie A sono le vittorie di Atalanta e Lazio. Con la rete di Malinovskyi, la Dea mette le cose in chiaro sulla volata Champions, scavalca la Juventus e centra una vittoria che mancava da 20 anni contro la Vecchia Signora. I biancocelesti, invece, impreziosiscono la loro stagione con la nona vittoria interna consecutiva. Tante le rimonte in questo turno con risultati in bilico fino alla fine.

Inter-Napoli, è un pari

Partiamo dalla fine. Il big match che conclude la trentunesima giornata finisce 1-1. La sblocca il Napoli grazie alla clamorosa autorete di Handanovic che, disturbato da De Vrji, non riesce a bloccare il cross di Insigne e spedisce il pallone in rete. Fortunati gli azzurri nel primo tempo, che si salvano più volte dal pareggio. Nel secondo tempo Eriksen trova subito il pareggio con un bel diagonale, ma poi è il Napoli a fare la partita. Clamoroso il tiro di Politano che si stampa sull’incrocio dei pali. Pari che alla fine non dispiace: il Napoli accorcia a -2 dalla Juve, l’Inter mantiene un +9 sul Milan.

Soffrono ancora i rossoneri. Contro il Genoa a San Siro (dove non vinceva da 2 mesi) il Milan riesce a portare a casa i 3 punti. Apre Rebic, pareggia Destro. L’autorete di Scamacca fissa il punteggio sul 2-1, ma è Donnarumma a salvare più volte il Milan. I ragazzi di Pioli consolidano il secondo posto e restano attaccati alle ormai flebili speranze per lo scudetto.

Corsa Champions: Atalanta terza! Lazio vince, ma rischia col Benevento

La stagione 2020/2021 non sorride per niente alla Juventus. Alla Gewiss Arena l’attesissimo scontro diretto che vale l’accesso alla prossima Champions è equilibratissimo. Scatenato Cuadrado, anima vera della Juventus. All’87’ c’è lo splendido tiro dal limite di Malinovsky. Gioia doppia: terzo posto ritrovato e  vittoria contro la Juve dopo 20 anni. Che stagione per gli orobici.

Intanto, la Lazio conquista tre punti con un rocambolesco 5-3 contro il Benevento. I biancocelesti concludono il primo tempo col punteggio di 3-1 con l’autorete di Depaoli e i gol di Immobile e Correa (su rigore). Sau accorcia le distanze sullo scadere del primo tempo con un bel tiro a giro. Succede di tutto nel secondo tempo con un rigore sbagliato da Immobile, il gol annullato a Lapadula e il var più volte chiamato in causa. L’autorete di Montipò vanifica le speranze giallorosse, poi Viola segna su rigore e Glik fa il 4-3. Nei sei minuti di recupero inizia l’arrembaggio giallorosso, ma niente da fare: Immobile chiude 5-3 con la doppietta personale. Il Benevento lotta, ma lascia L’Olimpico a mani vuote. La Roma scivola a Torino. I granata ribaltano lo 0-1 di Borja Mayoral con i centri di Zaza, Sanabria e Rincón. Adesso la Champions si allontana sul serio per Fonseca. Il Torino aggancia il Benevento.

Bene Samp e Sassuolo, Bologna show. Che partita Cagliari-Parma!

Il Sassuolo vince 3-1 in casa contro la Fiorentina.I neroverdi ribaltano lo 0-1 di Bonaventura con due rigori trasformati da Berardi. Chiude la gara Maxime Lopez con un diagonale perfetto a limite dell’area. Anche la Sampdoria ribalta la sua gara, battendo con lo stesso risultato il Verona. Giocano bene i ragazzi di Juric, passando in vantaggio dopo 13 minuti con Lazovic. Poi, nel secondo tempo i blucerchiati si scatenano con il gol di Jankto, il rigore trasformato da Gabbiadini e poi Thorsby. Crolla lo Spezia a Bologna. I felsinei si impongono per 4-1. Non c’è partita: dopo soli 12 minuti Orsolini sblocca la gara su rigore. Raddoppia Barrow. Ismajli fa 2-1 al 34’, ma poi Svanberg sigla la doppietta nel secondo tempo. Sono tre punti pesantissimi per il Bologna che, con 12 punti sul Cagliari, vedono la salvezza sempre più vicina. 

Incredibile lo scontro diretto Cagliari-Parma. I sardi ribaltano lo 0-2 iniziale di Pezzella e Kucka. Alla fine del primo tempo Pavoletti accorcia le distanze. La rete di Man al 59’ chiude virtualmente la partita, ma il Cagliari non demorde. Marin riapre la gara. Nel recupero i sardi non solo pareggiano, ma vincono con le reti di Pereiro e Cerri. Il 4-3 non cambia la classifica, ma dà tanta fiducia. Perde ancora il fanalino di coda Crotone, questa volta con l’Udinese per 1-2. De Paul protagonista nel bene e nel male: fa doppietta, ma poi si fa espellere al 90’ per un fallaccio su Molina. Inutile il gol del momentaneo pareggio di Simy.


Maria Anna Gagliardi

area calcio

Maria Anna Gagliardi. Nata a Napoli nel luglio del 1996. Laureata in Lingue, Letterature e culture all'Università L'Orientale, mi piace la cultura in tutte le sue sfumature. Amo particolarmente la letteratura, mi piacciono le storie. La storia più bella? Quella del Napoli e del calcio che unisce popoli e culture differenti, quella che voglio raccontare con il giornalismo. 

View all posts

Commenta